menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Referendum, appello al voto di Di Maio e Molea: "Votare Sì per il cambiamento"

"Domenica non si vota sul governo o su Matteo Renzi - sottolineano Molea e Di Maio - ma su una proposta di cambiameto del nostro Paese"

"Meno senatori ma eletti, non nominati, e stipendi azzerati; leggi più veloci, tetto agli stipendi dei consiglieri regionali e mai più rimborsi; competenze più nette tra Stato e Regioni e addio al Cnel che, da solo, ci costa tra i 20 e i 25 milioni di euro all'anno. Per scegliere il cambiamento, votate sì al referendum". Ultimo appello al voto da parte dei deputati forlivesi Bruno Molea e Marco Di Maio in vista del referendum di domenica sulla riforma costituzionale.

"Domenica non si vota sul governo o su Matteo Renzi - sottolineano Molea e Di Maio - ma su una proposta di cambiameto del nostro Paese. La riforma costituzionale, se approvata, porterebbe alla riduzione del numero dei senatori che saranno eletti e non nominati e se ne azzererebbero gli stipendi. Si renderebbe più veloce e chiaro l'iter di approvazione delle leggi, si metterebbe un tetto agli stipendi dei consiglieri regionali e si eliminerebbero i rimborsi, verrebbero definitivamente cancellati il Cnel, Consiglio nazionale dell'economia e del lavoro, che ci costa tra i 20 e i 25 milioni di euro all'anno e le province, verrebbero ripartite in modo più netto le competenze tra Stato e regioni, risparmiando così tempo e costi perché si andrebbe a ridurre drasticamente il contenzioso alla corte costituzionale, si rafforzerebbero tutti gli strumenti di partecipazione, potenziando il referendum e prevedendo l'obbligo di esame per le leggi di iniziativa popolare".

Domenica, ribadiscono Molea e Di Maio, "saremo a un bivio: votando sì approveremo queste novità e sceglieremo il cambiamento, votando no le bocceremo e lasceremo tutto così com'è. Crediamo sia meglio cambiare e per questo voteremo Sì; ma l’appello che ci sentiamo di fare è prima di tutto ad andare a votare".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Scroccadenti romagnoli, uno tira l'altro: la ricetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento