Ausl unica, Zanetti (Pd): "Non possiamo permetterci di sbagliare"

"L’ipotesi della Asl Unica non è in campo da ieri, ma sono anni che si affronta questa questione con posizioni diverse"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ForlìToday

"L’ipotesi della Asl Unica non è in campo da ieri, ma sono anni che si affronta questa questione con posizioni diverse. Mi pare tuttavia singolare che tra coloro che oggi criticano la richiesta ragionevole e razionale dei sindaci del comprensorio forlivese, in testa Balzani, ci sia qualcuno che sull’Asl unica ha assunto nel corso del tempo posizioni contraddittorie.

Di fronte ad un progetto di questa portata, a mio avviso, non si può agire con approssimazione e  se ci sono dei dubbi questi vanno approfonditi e fugati ab origine, partendo dall’assunto imprescindibile che due devono essere principalmente le premesse fondamentali di questo percorso: innanzitutto la centralità del cittadino/paziente e in secondo luogo gli obiettivi che si intendono raggiungere.

Segue la predisposizione di una proposta chiara, oggetto di valutazione e di confronto aperto, e solo da ultimo, per chiudere il cerchio, il percorso più appropriato per raggiungere il fine. La partecipazione ai processi decisionali deve essere sostanziale e non formale, non si possono anteporre le tesi alle premesse, i contenitori ai contenuti; soprattutto in un settore così importante e di impatto sui cittadini come quello della Sanità. La qualità e l’eccellenza dei servizi sanitari di Forlì sono ampiamente ed oggettivamente riconosciuti e devono essere salvaguardati pur nell’ottica di una comprensibile esigenza di efficientamento e ottimizzazione dei costi e dei servizi stessi.

Occorre avere a disposizione strumenti chiari, dati, previsioni di benefici da confrontare con eventuali limiti o criticità, per valutare con consapevolezza le scelte da operare. I tentativi di Area Vasta messi in campi nel corso degli anni, ne dobbiamo prendere atto, hanno mancato l’obiettivo su più fronti. Di fronte ad un tema così delicato e importante non possiamo permetterci di sbagliare o anche solo di accorgerci a posteriori  di non aver soppesato adeguatamente tutti gli elementi non solo una, ma tutte le volte che si rendano necessarie".

Torna su
ForlìToday è in caricamento