Giovedì, 18 Luglio 2024
Politica

Autonomia, Mar: "La Romagna è di fatto una regione italiana. Va riconosciuta per ciò che è"

Il Movimento per l’Autonomia della Romagna sul tema della provincia unica: "Per capire quale sia la forma istituzionale adeguata alla Romagna, bisogna prima chiedersi cosa sia la Romagna"

Dopo la proposta delle Centrali cooperative per la nascita della 'Provincia Romagna', il Movimento per l’Autonomia della Romagna (Mar) interviene nel dibattito. "Nonostante tutti gli attori del mondo produttivo e istituzionale romagnolo siano concordi sulla necessità non più procrastinabile di dotare la Romagna di un’unica forma istituzionale - affermano dal Movimento - la proposta di istituire una Provincia Romagna, oggi che le Province sono state private di qualsiasi potere di programmazione strategica, ha fatto storcere il naso a molti, suggerendo così di dare a questa nuova “provinciona” le stesse funzioni della Città metropolitana, un ente giuridicamente coniato per le grandi aree cittadine come Milano, Roma, Torino".

"Una Provincia, però con le funzioni di una Città metropolitana? Non vogliamo eccellere nell’arte di complicare le cose semplici - dichiara Fabrizio Barnabè, coordinatore regionale del Mar - Per capire quale sia la forma istituzionale adeguata alla Romagna, bisogna prima chiedersi cosa sia la Romagna. Se si ritiene che la Romagna sia una provincia, bene la forma istituzionale della Provincia; se si ritiene che la Romagna abbia le sembianze di una città metropolitana, bene la Città metropolitana. È giusto che ci sia un dibattito costruttivo e serio su questo tema fondamentale per le nostre comunità. La posizione del Mar è chiarissima - conclude Barnabè - la Romagna è di fatto una regione italiana ed europea, in grado di agire in sinergia con tutte le altre regioni d’Italia e d’Europa. Sarebbe bello che venisse riconosciuta per ciò che è, non per ciò che non è. I romagnoli ne hanno tutti i diritti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Autonomia, Mar: "La Romagna è di fatto una regione italiana. Va riconosciuta per ciò che è"
ForlìToday è in caricamento