menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Autovelox di Villa Rovere, la Lega: "Non può stare in quella strada"

Questa volta interviene l'esponente della Lega Nord, Corrado Metri, che ci tiene a precisare di non avere ricevuto multe fino ad ora. In campo anche Paola Casara, e il consigliere Massimiliano Pompignoli

Continua con un botta e risposta incessante la polemica sugli autovelox. Questa volta interviene l'esponente della Lega Nord, Corrado Metri, che ci tiene a precisare di non avere ricevuto multe fino ad ora. “La comandante della Polizia Municipale di Forlì e il vicesindaco si arrampicano sugli specchi per la questione dell’autovelox di Villa Rovere. Per trovare conforto organizzano degli incontri poco pubblicizzati a Durazzanino e Villa Rovere per farsi dire che sono bravi, hanno ragione e di autovelox ne dovrebbero mettere di più”.

“E’ stata evasiva, incompleta ed imprecisa la risposta del Vicesindaco Biserna sull’autovelox di Via Firenze località Villa Rovere”. Intervengono congiuntamente il Capogruppo della Lega Nord Nord in Consiglio Comunale, Paola Casara, e il consigliere Massimiliano Pompignoli all’indomani del question time presentato dal Carroccio nella seduta consigliare di lunedì pomeriggio a Forlì. “I riferimenti normativi resi dal Vicesindaco e in risposta al question time sono ancora una volta incompleti in quanto il decreto prefettizio (Prot. 46/07 Area 3 del 23/12/2008) citato dallo stesso Biserna, per giustificare la legittimità dell’operato della Giunta,  precisa che non è ammessa l’installazione e l’utilizzazione del sistema di rilevamento (autovelox) senza procedere all’espletamento della contestazione immediata, contrariamente a quanto sostenuto dal Vicesindaco. Tale precisazione, infatti, in conformità al question time presentato, rende del tutto illegittimo il posizionamento della strumentazione per il rilevamento della velocità, rendendo quindi legittimi i ricorsi dei cittadini forlivesi. Sono da considerarsi annullabili le contravvenzioni sino ad oggi elevate senza la presenza  degli agenti accertatori.”

Precisano poi i due esponenti del Carroccio: “Nel corso del prossimo Consiglio comunale il Vicesindaco sarà interrogato in merito al numero di multe rilevate dall’autovelox nonché all’ammontare economico delle sanzioni comminate dal giorno dell’attivazione ad oggi e sul costo dell’opera di installazione.” Infine, concludono i due Consiglieri: “L’atteggiamento e le risposte di Biserna esprimono nuovamente la mancata competenza e completezza di comunicazione della Giunta Balzani nei confronti dei cittadini. Siamo favorevoli all’installazione e all’utilizzo dei sistemi di rilevamento della velocità, purché questi siano conformi al codice della strada e siti nei luoghi opportuni e non siano utilizzati al solo scopo di fare cassa.”

L'affondo di Metri, dopo i dati diffusi sui due velox in un'assemblea e la dichiarazione del vicesindaco, Giancarlo Biserna in consiglio comunale, che rassicura sulla regolarità degli apparecchi. “Il vicesindaco dice che se 1251 persone hanno firmato contro l’autovelox di Villa Rovere ce ne sono molti favorevoli che non hanno firmato, una logica superata dai fatti: noi le abbiamo raccolte e lui no – continua Metri - La comandante ha detto che a Villa Rovere il numero di infrazioni è stato di 3.000 unità, con un calo del 52% delle violazioni, come a dire che l'autovelox è efficace. Attenzione, non sono calate le infrazioni, ma le multe, solo perché la macchina è stata verniciata quattro volte ed è stata disattivata per molti giorni. Quello che ci deve dire il comandante è quanto sono diminuiti gli incidenti in quella zona, non quante multe ha fatto in meno, queste non sono un indicatore di efficacia, ma un indicatore di accanimento. Comunque gli incidenti non possono calare, perché la statistica è pari a zero”.


 


 
 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Forlì usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento