menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Balzani: "Area Vasta è solo retorica. Andiamo al sodo"

E' il momento di creare una classe dirigente romagnola, che fino ad ora non esiste", pungola il sindaco. Sia ben chiaro non Regione Romagna, "io sono per l'accorpamento e non per la divisione di ciò che già esiste"

In un momento in cui si parla di unioni, fusioni, razionalizzazioni, il sindaco di Forlì, Roberto Balzani, dà un'accelerata, ma non senza polemica. “L' Area Vasta è una retorica, in tanti se ne riempiono la bocca, ma quando si arriva al sodo non si conclude niente. Il Centro Destra la chiama Regione Romagna, ma il concetto è lo stesso”. Balzani in varie occasioni ha ribadito la sua volontà di perseguire un accorpamento delle amministrazioni vicine, al fine di un risparmio economico.

“Ora è il momento di tradurre in realtà quelle che fino ad ora sono state solo parole, con una tecnica forte a livello amministrativo e politico. Che si tratti di unione di comuni, città metropolitane o comunque le si vogliano chiamare, è in questa direzione che si deve andare. E' il momento di creare una classe dirigente romagnola, che fino ad ora non esiste”, pungola il sindaco. Sia ben chiaro non Regione Romagna, “io sono per l'accorpamento e non per la divisione di ciò che già esiste”.

A proposito di Area Vasta, non si può non toccare, facendo un bilancio di fine anno, il tema dell'aeroporto, della Sar e della nuova apertura a Bologna. “La disponibilità a tutte le possibilità è l'unica soluzione per tenere aperta questa pista, in questo caso si guarda anche a Bologna. In questi 2 anni e mezzo solo le istituzioni si sono mosse per difendere l'aeroporto, sostenendone il debito. Ricordiamo che nel 2010 ammontava a 9,6 milioni, dei quali abbiamo pagato la metà come Comune. Stessa cosa per il 2011, con 5 milioni di debito. Per il 2012 prevediamo un costo di 1,5 milioni. Significano decine di milioni negli ultimi 4-5 anni. L'obiettivo è quello di salvare il Ridolfi e per fare questo non può più sostenerlo l'ente pubblico”. Via libera allora ad una società, anche con Bologna.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento