menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Santa Sofia, approvato il bilancio previsionale: "Priorità al sociale e alle opere pubbliche"

Segue l'approvazione, avvenuta lo scorso 29 aprile, del rendiconto di gestione del 2015. L'amministrazione ha chiuso con un avanzo di 1.096.715,39 euro

Il consiglio comunale di Santa Sofia ha approvato il bilancio di previsione 2015. Segue l'approvazione, avvenuta lo scorso 29 aprile, del rendiconto di gestione del 2015. L'amministrazione ha chiuso con un avanzo di 1.096.715,39 euro, di cui 591.132,17 accantonati, 255.993,48 vincolati e 249.590,74 disponibili. "Con la crisi economica non ancora superata e i tagli di trasferimenti che continuano a colpire gli enti locali, non è stato facile far collimare le esigenze politiche ed amministrative con i numeri - afferma il sindaco Daniele Valbonesi -. La riduzione delle entrate è pesante e deve farci riflettere sul futuro di servizi che oggi gli enti locali riescono ancora ad erogare".

"D'altra parte non abbiamo voluto alzare la tassazione, in modo che i cittadini possano godere appieno del beneficio della cancellazione della Tasi decisa dal Governo e dal Ministero dell'Economia e Finanze per il 2016 - aggiunge -. Per tali valutazioni abbiamo dovuto agire sui tagli di spesa che hanno coinvolto tutti i settori, servizi sociali e lavori pubblici esclusi. Questo per rispettare il principio di aiuto alle fasce più deboli e per cercare, con gli interventi, di generare lavoro e sviluppo guardando al futuro". Prosegue il primo cittadino: "Il comune di Santa Sofia ha numeri economici positivi frutto di un buon lavoro fatto negli anni e questo è un bene viste le incertezze economiche che gli enti pubblici attraversano. In particolare la parte vincolata e la parte disponibile sono composte da risorse che saranno a disposizione già nel corso del 2016, mentre una percentuale è già stata destinata durante l'approvazione del bilancio preventivo.
 
TRIBUTI - "Sul fronte dei tributi si prevede sostanzialmente il mantenimento delle aliquote del 2015 ma con parecchie novità - annuncia Valbonesi -. Viene abolita la Tasi alla prima casa, mentre per gli "immobili merce" è stato deciso di mantenere l'alquota all'1 per mille. Per quanto riguarda l'Imu è previsto il mantenimento dell'aliquota al 9,6 per mille per i casi generali. Per l'Imu sugli immobili concessi in comodato gratuito il comma 10 della Legge di Stabilità 2016 (Legge 28 dicembre 2015, n. 208) ha introdotto un'agevolazione con riduzione del 50% della base imponibile. Si tratta di una impostazione molto restrittiva in quanto limita le possibilità del comodato gratuito a pochi casi: si deve essere proprietari di un solo immobile oppure di 2 immobili (di tipo abitativo) ma in tal caso uno dei due deve essere necessariamente abitazione principale del proprietario. In più c'è la condizione che l'immobile (o i due immobili) sia presente nello stesso comune dove si ha la residenza e la dimora abituale. Sono esclusi i comodati per le abitazioni di lusso (Cat, A1, A8 e A9). Inoltre, per poter beneficiare di tale agevolazione, occorre aver stipulato il contratto di comodato in forma scritta".

Prosegue Valbonesi: "L'amministrazione comunale si era espressa in questa direzione già a partire dal 2015, con l'introduzione dell'aliquota agevolata Imu al 7,6 per mille per le abitazioni concesse in comodato d'uso gratuito a parenti in linea diretta che la utilizzano come abitazione principale. Pertanto per il 2016 nel comune di Santa Sofia saranno previste due casistiche di agevolazione Imu per i comodati gratuiti: coloro che potranno usufruire di entrambe le riduzioni (aliquota ridotta 7,6 per mille e 50% della base imponibile) purchè soddisfino i requisiti di cui sopra imposti dalla Legge di Stabilità 2016; coloro a cui si potrà applicare solo l'aliquota ridotta stabilita dal comune in quanto non soddisfano le restrizioni previste dalla normativa".

"La Tari è l'unica imposta che subirà un aumento, seppur lieve, pari all'1,5%, dovuto ad un pari aumento di costi - prosegue il primo cittadino -. Tra gli aumenti vi sono quelli decisi dalle Autorità di regolazione e quelli relativi ai progetti in corso per l'aumento della raccolta differenziata (riposizionamento dei cassonetti, progetti nelle scuole, servizio di raccolta dell'organico, ecc.). Alcuni risparmi hanno contenuto comunque tali aumenti, basti pensare al contributo ricevuto per i progetti di raccolta rifiuti in corso e alla diminuzione del costo del servizio di bollettazione della Tari (quest'anno le scadenze per il pagamento saranno il 30 luglio e il 30 novembre). Su alcune categorie di attività sono state apportate alcune modifiche. In particolare subiranno aumenti della Tari le banche e gli istituti di credito e le case di cura e riposo (a cui erano applicate tariffe bassissime) a favore di ristoranti, trattorie, osterie, pizzerie, bar, caffè, pasticcerie, gelaterie che invece avevano tariffe particolarmente alte. Gli altri tributi non subiranno variazioni.
 
LAVORI PUBBLICI - Illustra Valbonesi: "Contestualmente al bilancio è stato approvato il piano triennale delle opere pubbliche. Un piano ricco di interventi per gli anni 2016, 2017 e 2018. Per il 2016 sono previsti il restauro e risanamento conservativo locali di proprietà comunale per la realizzazione del Cup e centro supporto ai Servizi Sociali del Comune di Santa Sofia (Farmacia comunale); e lavori di manutenzione straordinaria con adeguamento rete fognaria degli edifici pubblici di proprietà del Comune di Santa Sofia. Oltre a queste sono previste opere minori o realizzate da altri enti che utilizzano fondi destinati al comune di Santa Sofia: lavori di completamento stecca Nefetti: arredo Municipio; riqualificazione urbana e messa in sicurezza della Piazza Matteotti; e lavori di manutenzione straordinaria strade comunali. Si tratta di opere e lavori per un totale di 1.511.000 euro (solo Piazza Matteotti ne vale 842.000 euro circa).
 
Sempre a livello di lavori pubblici sono in corso, o inizieranno a breve, interventi importanti finanziati da altri enti quali i lavori di consolidamento della frazione di Corniolo (800mila euro), i lavori sul parcheggio di Pian dei Fangacci (200.000 euro) e interventi di manutenzione straordinaria sull'Ospedale Nefetti (600mila euro di cui a breve il rifacimento della sala mortuaria) - prosegue il sindaco -. Attraverso l'avanzo di bilancio viene finanziato il progetto esecutivo e definitivo per l'ampliamento del cimitero municipale per un cifra pari a 23.000 euro. L'opera è di fondamentale importanza per risolvere i problemi di un servizio necessario ai cittadini santasofiesi.
 
CULTURA, TURISMO, SPORT - "Il Bilancio previsionale - continua Valbonesi - prevede un capitolo dedicato agli investimenti per la stagione teatrale del Teatro Mentore. Molte risorse poi sono destinate agli eventi culturali (Premio Campigna, mostre e manifestazioni in genere). Proprio in merito alle associazioni, il bilancio 2016 prevede nuove convenzioni, come in corso di stipula con Sophia in libris. Su turismo e sport sono previsti investimenti importanti per la realizzazione di nuove strutture ricettive (nuova area camper di Corniolo) o la manutenzione di aree di valore particolare (Parco della Resistenza nel capoluogo e ingresso Borgo Calci) che fanno parte di un progetto complessivo che ha visto la collaborazione dei comuni di Bagno di Romagna e Premilcuore, del Parco Nazionale delle foreste casentinesi, monte Falterona e Campigna, Romagna Acque Società delle Fonti SpA e del quale il comune di Santa Sofia è capofila. Inoltre non previsti a bilancio, ma con l'impegno di trovare le risorse con l'assestamento, ci sono la creazione di un sito turistico e di altre azioni su un tema che ha bisogno, secondo l'attuale amministrazione, di investimenti quale quello turistico".

SERVIZI SOCIALI - "Da sempre il Comune di Santa Sofia dedica molte risorse ai servizi sociali e, ovviamente, l'attuale amministrazione ha intenzione di continuare a farlo - prosegue il sindaco -. Per questo anche in un periodo così difficile non ci saranno tagli, ma piuttosto un aumento di risorse destinate direttamente all'Asp San Vincenzo de' Paoli che gestisce i servizi sociali per il Comune di Santa Sofia. In particolare da 453.764,84 euro del 2015, per il 2016 sono previsti trasferimenti per  469.829,84 euro (di cui 20.600 euro da parte vincolata dell'avanzo)". Il sindaco segnala due scelte particolarmente significative, "una che va nell'ottica di attenuare il disagio sociale, ovvero l'istituzione di un fondo di solidarietà anticrisi rivolto a coloro che hanno perso il posto di lavoro attraverso risorse raccolte dagli amministratori della precedente amministrazione; l'altra che guarda al futuro e che è conseguente alle nostre prese di posizione pubbliche sul calo demografico che colpisce i comuni montani, ma non solo, ed è quella di diminuire fortemente il costo a bambino (“retta”) per il servizio dell'asilo nido, in considerazione del particolare momento di crisi economica". "L’amministrazione comunale riconosce, infatti, l’importante ruolo educativo che compete al Nido d’infanzia e appoggia la scelta di quei genitori che spesso, anche se con sforzo, vedono il servizio come una grande opportunità educativa e di socializzazione - continua -. Questo oltre all'intenzione che stiamo valutando con l'attuale gestore della struttura di ampliare e rendere più flessibile il servizio per le famiglie, ad esempio con la possibilità di una frequenza part-time.

FRAZIONI - "Nelle frazioni, oltre agli interventi di manutenzione ordinaria, sono destinate alcune risorse significative - precisa il sindaco -. Per la frazione di Spinello sono previste le risorse per la sistemazione dell'edificio dell'ex scuola, ora sede della Pro Loco e per altri interventi minori. Va segnalata la destinazione di 10.000 euro per la redazione di un progetto preliminare di carattere ambientale, turistico e urbanistico per il centro storico della frazione di Spinello che ha l'obiettivo di riqualificare l'intera area come merita. Per le frazione di Corniolo, Campigna e Berleta, all'interno del piano triennale delle opere pubbliche è previsto, nel 2017, un importante intervento che fa parte di un progetto turistico “Vias Animae – Le strade ritrovate” (di cui si accennava sopra) che vede Corniolo come luogo di passaggio di un percorso che lega i comuni di Premilcuore, Santa Sofia e Bagno di Romagna, ovvero i lavori per area camper attrezzata in località San Martino di Corniolo (352.793,50 euro)".

"Inoltre - prosegue - sono previsti, pur non passando dal bilancio comunale, i lavori di consolidamento della frazione di Corniolo (800mila euro) e i lavori sul parcheggio di Pian dei Fangacci (200mila euro). Per la frazione di Camposonaldo è previsto nel 2017 un intervento di riqualificazione del Borgo Calci e del viale di ingresso alla frazione lungo la strada comunale per un valore di 225.518,22 euro. Infine per il 2016, all'interno dei lavori di manutenzione straordinaria delle strade comunali, saranno oggetto di interventi le strade comunale maggiormente usurate, gran parte delle quali si trovano sparse sul territorio".
 
"Con la premessa che le risorse continuano ad essere in calo, e che se non ci sarà un'inversione di tendenza dovremo ripensare nel suo complesso un sistema che ha funzionato negli anni, in base ai dati sopra riportati siamo convinti che, con questo bilancio, sia preservato lo stato sociale e i servizi che sono il valore aggiunto di questo paese - conclude il sindaco -. Dall'altra parte, con le risorse messe in campo nelle opere pubbliche pensiamo di dare uno stimolo ad un settore fortemente in crisi come quello delle costruzioni. Infine molta attenzione al turismo che deve diventare una risorsa economica per il futuro e per il quale il nostro territorio, all'interno di un Parco Nazionale, può essere attraente per le tendenze sempre più diffuse legate a benessere e sport.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Forlì è al centro del Nonprofit: il 23 aprile si terrà l'open day

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento