rotate-mobile
Politica

"Boicottiamo i prodotti turchi": si studiano iniziative contro la guerra in Siria

Tra le varie proposte che sono sorte dall’incontro, spiega Raffaele Barbiero, anche quella di "boicottare i prodotti turchi"

Lunedì si è svolto al Centro per la Pace ‘’Annalena Tonelli’’, un incontro informativosu eventuali linee di intervento pacifiche, per chiedere l’immediata cessazione dell’aggressione turca nei confronti dei curdi in territorio siriano. Tra le varie proposte che sono sorte dall’incontro, spiega Raffaele Barbiero, "boicottare i prodotti turchi (ad ora sappiamo che la matrice iniziale identificativa di questi prodotti è 869-868) scegliendone qualcuno come più rappresentativo; fare un banchetto informativo per sensibilizzare la cittadinanza sulla situazione dell’aggressione turca e  riguardo all'appoggio del governo della Turchia nei confronti dell'Isis; e cercare di coinvolgere l’Università per organizzare momenti di approfondimento ed informativi".

Tra le altre iniziative "fare in modo che la finale di Champions League non sia giocata presso lo stadio olimpico di Ataturk di Instanbul, in Turchia, il 30 maggio 2020 (anche riguardo a questo punto mobilitarci per capire se altre realtà si stanno muovendo in questa direzione); e promuovere da subito una sensibilizzazione forte sul governo italiano per sospendere immediatamente la consegna e la vendita delle armi italiane già vendute o di prossima vendita alla Turchia". "Per sviluppare concretamente queste proposte di intervento ci riuniremo nuovamente  lunedì al Centro per la Pace ‘’Annalena Tonelli’’ (Via Andrelini 59) alle 21", conclude.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Boicottiamo i prodotti turchi": si studiano iniziative contro la guerra in Siria

ForlìToday è in caricamento