menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bulbi confessa: "Non mi candiderò al parlamento fuori dalla provincia"

Il presidente della Provincia di Forlì-Cesena incontra i giovani della Round Table di Forlì e spazia a tutto campo sull'attualità locale e nazionale. "Dimezzare parlamentari e consiglieri regionali"

Via Emilia-bis, Cervese, Aeroporto, Fiere, costi della politica, superamento delle Province, candidature al parlamento: Massimo Bulbi, presidente della Provincia di Forlì-Cesena, spazia a 360 gradi durante la cena-incontro con i giovani della Round Table di Forlì, il club service composto esclusivamente da under 40. Bulbi non risparmia battute e frecciatine, neppure qualche rivelazione.

PARLAMENTO - Come quella sul suo futuro politico, da molti indicato come quello di una possibile candidatura in parlamento. Fatto che non smentisce, “tuttavia smentisco come ho sempre fatto che sarei disponibile a candidarmi, in virtù della mia amicizia con Enrico Letta, al di fuori del mio territorio, come qualcun altro (anche nel mio partito) ha accettato di fare pur di farsi eleggere, cambiando ogni volta territorio”.

COSTI DELLA POLITICA - Bulbi, incalzato dalle domande dei 'tabler' presenti, parla di costi della politica e abolizione delle province. “Il punto non è abolire le province o fonderle e fare una provincia unica – ha detto – bensì quello di chiarire quale organizzazione può meglio rispondere alle esigenze dei cittadini e delle imprese, chi si fa carico delle deleghe e dei dipendenti; dopodichè a me va bene tutto”.

Sui costi della politica, però, “se si volesse fare sul serio basterebbe dimezzare i parlamentari e i consiglieri regionali, che godono di privilegi assurdi; e poi intervenire sui ministeri, sulle segreterie dei ministri”.

SISTEMA ROMAGNA - Il presidente ha rilanciato l'idea di una fiera unica romagnola ("Non c'è alternativa all'alleanza con Rimini, ma Forlì può stare sicura che Fieravicola non si sposta perchè gli operatori la vogliono qui"), della holding del cieli ("Strada maestra per trovare un privato che acquisti entrambi, potrebbe essere anche Bologna") e della via Emilia-Bis ("necessaria per collegare Forlì e Cesena").


CERVESE - Parla anche di Cervese e spiega che "dopo tanti anni solo un paio d'anni fa la Provincia ha acquisito la titolarità del progetto e i fondi di Anas; ora cercheremo di fare gli interventi che si possono fare in sede per mettere in sicurezza i tratti più pericolosi". E poi in conclusione lancia un appello ai giovani: "Non rinunciate a dire la vostra e ad un impegno per il vostro territorio".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Troppo stress nel lavorare da casa: il burnout da smart working

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento