Carceri, Morrone (Lega): "In arrivo oltre mille nuovi agenti"

"Ora serve dare risposte alle altre istanze. Stop al sistema delle celle aperte e della sorveglianza dinamica, dotazioni di taser e strumenti di difesa"

"Meglio tardi che mai. Finalmente il ministro Alfonso Bonafede ha ascoltato una delle richieste più pressanti della Lega, consentendo l’immissione in servizio di mille e cento nuovi agenti". Ad affermarlo è il parlamentare della Lega Jacopo Morrone: "Ora serve dare risposte alle altre istanze. Stop al sistema delle celle aperte e della sorveglianza dinamica, applicazione del primo comma dell’art. 41-bis per contrastare gravi situazioni di emergenza, dotazioni di taser e strumenti di difesa e presidi sanitari agli agenti di Polizia penitenziaria. L’obiettivo è che venga alleggerito al più presto il carico di lavoro e la situazione critica sopportati per troppo tempo da un numero insufficiente di agenti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Il premier Conte tolga al ministero della Giustizia le deleghe sull’amministrazione penitenziaria, avocandole alla presidenza del Consiglio, e proponga la nomina immediata di un commissario straordinario in grado di gestire l’emergenza prima che le carceri siano devastate da nuove rivolte. L’unica strada è un giro di vite, gestito con capacità e senza tentennamenti - aggiunge poi Morrone - La soluzione non è scarcerare 10.000 detenuti. Verrebbe interpretata come una resa dello Stato di fronte a rivolte organizzate. Tra l’altro, si tratta in gran parte di detenuti stranieri. In quale domicilio li si vorrebbe confinare e con quali garanzie? Così si sposterebbe l’emergenza dagli istituti penitenziari alle strade delle città, con aggravio di lavoro per le Forze dell’Ordine. Stiamo combattendo una guerra. Gli italiani devono sottostare a imposizioni eccezionali. Nelle carceri, in trincea, ci sono gli agenti della Polizia penitenziaria, lasciati soli dal Governo. E ci sono detenuti anche molto pericolosi, tanto organizzati da poter comunicare tra Istituto e Istituto per orchestrare le proteste. E’ questo lo scenario che deve essere fronteggiato. E certamente i vertici del ministero della Giustizia non ne sono capaci".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, il bollettino domenicale: altri contagiati nel Forlivese

  • Non ce l'ha fatta il motociclista tamponato da un'auto: era un volto noto della città

  • Coronavirus, ci sono i primi due studenti positivi: nessuna chiusura di classi e scuole

  • Coronavirus, altri quattro casi a Predappio. Tra i contagiati anche uno studente

  • Coronavirus, 5 pazienti in terapia intensiva. Scoppia un nuovo focolaio a Predappio

  • Denis Dosio, tanta sofferenza dietro il successo: confessione in lacrime al Grande Fratello

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento