Carceri, Morrone: "Stop sorveglianza dinamica, il Governo ascolti proposte della Lega"

Così in un post Facebook il deputato della Lega, Jacopo Morrone, già sottosegretario alla Giustizia nel governo Conte I

"In relazione all’emergenza sanitaria nazionale e alle gravi violenze che si stanno verificando negli istituti penitenziari, appare incredibile che si continui a mantenere il sistema di organizzazione della vita detentiva fondato sulle “celle aperte” e la “sorveglianza dinamica”. Tale modello di gestione, infatti, comporta un’ampia libertà di movimento dei detenuti nell’ambito degli istituti, per otto o anche dodici ore al giorno". Così in un post Facebook il deputato della Lega, Jacopo Morrone, già sottosegretario alla Giustizia nel governo Conte I.

"È evidente che, in tal modo, è molto difficile impedire assembramenti nei cortili passeggi o nei corridoi delle sezioni e, comunque, si incrementano i contatti fra detenuti assegnati a celle diverse - prosegue il deputato -. Tutto ciò appare in evidente contrasto con le più recenti direttive del Governo volte alla prevenzione del diffondersi del coronavirus. Anche dal punto di vista della sicurezza, è chiaro che l’organizzazione a celle aperte non è, allo stato, sostenibile. Basti pensare alle numerose e preoccupanti azioni di protesta violenta e di aperta rivolta, verificatesi in troppi istituti penitenziari. Tali azioni si sarebbero potute prevenire e contrastare meglio se  si fosse ripristinato un sistema di gestione dei detenuti più “chiuso” e controllato".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Pertanto, al fine di proteggere la salute dei detenuti e per tutelare l’ordine e la sicurezza degli istituti penitenziari, si chiede l’immediata adozione di misure straordinarie quali : la sospensione del sistema fondato su celle aperte e sorveglianza dinamica, fino al termine delle esigenze di sicurezza e sanitarie. L’ organizzazione dell’accesso ai cortili passeggi per piccoli gruppi, in modo da ridurre i rischi di contagio. L’ applicazione dell’art. 41-bis, comma 1, dell’ordinamento penitenziario, agli istituti, o parti di istituto, ove – come prevede tale disposizione – si sia verificata una rivolta o comunque vi siano state gravi situazioni di emergenza; infine, la predisposizione di sezioni per le assegnazioni e i raggruppamenti cautelari di detenuti pericolosi, ai sensi dell’art. 32 del d.P.R. n. 230 del 2000, per tutte le altre strutture penitenziarie", conclude.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Dea Bendata non abbandona Corso Garibaldi: nuovo colpo al Lotto con un terno

  • Coronavirus, il bollettino domenicale: altri contagiati nel Forlivese

  • Coronavirus, ci sono i primi due studenti positivi: nessuna chiusura di classi e scuole

  • Coronavirus, altri quattro casi a Predappio. Tra i contagiati anche uno studente

  • Coronavirus, 5 pazienti in terapia intensiva. Scoppia un nuovo focolaio a Predappio

  • Denis Dosio, tanta sofferenza dietro il successo: confessione in lacrime al Grande Fratello

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento