Casa Zangheri, Italia Viva: "La situazione doveva essere gestita con maggiori capacità"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ForlìToday

Basterebbe leggere anche solo le conclusioni della relazione tecnica, redatta in ben 20 pagine, dal gruppo di esperti (medici e infermieri fra i quali Primario di Geriatria e Sanita pubblica) nominati dall'Ausl per la gestione della pandemia all'interno della Casa di riposo pietro Zangheri, per rendersi conto che la struttura non ha avuto la forza di affrontare una situazione che, seppure anomala, doveva essere gestita con maggiori capacità.

"Ridotta percezione del rischio e reiterati ritardi nel mettere in pratica quanto indicato dalle Autorita Sanitarie".

Il caso ha voluto che il Consiglio di Amministrazione fosse in scadenza e sia stato rinnovato proprio in questi giorni.

A Italia Viva rimane, oggi più che mai, l'orgoglio di avere suggerito la nomina di un rappresente dei familiari degli ospiti purtroppo non accolta né dal Sindaco né dalle forze di opposizione in Consiglio Comunale.

Oggi, dopo avere letto la relazione tecnica, auspichiamo che venga messo in discussione anche il ruolo di Annalisa Valgimigli, Direttrice della Residenza. Crediamo che il suo illustre predecessore Pietro Zangheri, che per ben 32 anni ha diretto la Casa di Riposo non avrebbe dubbi al riguardo.

ITALIA VIVA FORLI'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento