menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Catalano nel Gruppo Misto, Minutillo avverte: "Parlerà in consiglio per sé stesso e non per Fratelli d'Italia"

"Il fatto che Catalano sia nel Gruppo Misto significa unicamente che d’ora innanzi rappresenterà solo se stesso. Non gli sarà consentito in Consiglio di parlare per conto di Fratelli d’Italia

"Il fatto che Catalano sia nel Gruppo Misto significa unicamente che d’ora innanzi rappresenterà solo se stesso. Non gli sarà consentito in Consiglio di parlare per conto di Fratelli d’Italia ed anzi si diffida fin da ora Catalano ad utilizzare il simbolo e il nome affidato unicamente e irrevocabilmente al gruppo consiliare ufficiale. Di questo è gia stato informato il presidente del consiglio ed il segretario generale": è la replica che arriva da Davide Minutillo, capogruppo di Fratelli d’Italia in consiglio comunale. Catalano, con una sua nota, ha divulgato una lettera del coordinatore regionale Michele Barcaiuolo che gli "permette" di rappresentare Fratelli d'Italia anche se è confluito nel Gruppo Misto. Ma non è dello stesso avviso Minutillo: "Né il Regolamento Comunale né lo Statuto di Fratelli d’Italia affidano al commissario regionale del partito le funzioni ed i poteri che millanta il consigliere Catalano".

Ed ancora: "In Comune a norma di legge e di Regolamento l’unico rappresentante di Fratelli d’Italia – Giorgia Meloni è colui che è stato eletto alle consultazioni comunali ovvero il Capogruppo Davide Minutillo  con delega irrevocabile di Giorgia Meloni. Catalano rappresenta unicamente il lato peggiore della politica a cui evidentemente appartiene e a cui non ha saputo resistere chiamato  dalla forza dell’assessorato che gli è stato promesso non si capisce in ragione di cosa o di quali meriti. Si interroghi piuttosto Catalano della magra figura che sta facendo di fronte a tutta la città, ha cambiato tre volte partito in un mese ed ora vuole rappresentare non solo quello che non è ma neppure quello per il quale è stato votato in consiglio comunale. Peraltro ha messo in difficoltà la maggioranza e due gruppi consiliari Fdi e Fi solo per il proprio tornaconto personale fregandosene addirittura dei momenti drammatici che sta vivendo il territorio".

Tutto ha avuto inizio quando Marco Catalano, eletto in Forza Italia, ha annunciato la sua adesione a Fratelli d'Italia, accolto nel partito della Meloni da parte del commissario provinciale Roberto Petri e poi da quello regionale Michele Barcaiuolo, ma l'adesione ha trovato lo stop del gruppo locale di dirigente e militanti di Fratelli d'Italia che ha preso forma in un mancato accoglimento del consigliere nel gruppo di Fratelli d'Italia in Consiglio comunale. Nel frattempo, però, Catalano è stato respinto anche da Forza Italia, suo gruppo di origine, per bocca del capogruppo Lauro Biondi, confluendo così nel Gruppo Misto.

E conclude Minutillo: "Dispiace vedere che dei dirigenti regionali si pieghino a questi giochetti di palazzo da bassa politica soprattutto in un momento come questo dove il gruppo locale di Fdi  è impegnato ad affrontare l’emergenza Covid con proposte concrete per i cittadini.
Per quanto  riguarda il ravennate  Roberto Petri quest’ultimo prenda atto che il suo mandato è terminato e che non ha la fiducia della dirigenza locale e la smetta di arrogarsi prepotentemente il diritto di voler dettare una linea politica solitaria in un territorio che non gli appartiene e che neppure conosce e dove ha portato solamente disordine. Fratelli d’Italia Forlì non approva questa linea né a livello comunale né provinciale dato che quasi tutti i dirigenti forlivesi e provinciali , ma anche alcuni nazionali, hanno espresso opinione contraria rispetto ai modi ed all’ingresso  di Catalano nel gruppo. Modi e toni che non ci appartengono e che non apparterranno mai a Fdi. Se Catalano era così convinto di Fdi perché non ha aderito nove mesi fa? Forse non era una questione di idee ma di percentuali".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento