menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Centrale idroelettrica, il sindaco di Civitella si dimette. Ma è già pronto a ricandidarsi

La bufera sulla centrale di Cusercoli continua. Bergamaschi annuncia le dimissioni: ci sarà il commissariamento del Comune, fino alle elzioni di maggio 2014

Ha annunciato le sue dimissioni lunedì sera in consiglio comunale. Pierangelo Bergamaschi, primo cittadino di Civitella, ha mollato, ma solo per un po'. Annuncia infatti a Forlitoday che si ricandiderà per le prossime elezioni di maggio 2014. La goccia che ha fatto traboccare il vaso “è la solita questione della centrale idroelettrica a Cusercoli, progettata, realizzata e gestita da un consigliere di maggioranza (Luca Raggi ndr). Ci vuole trasparenza, non possiamo poi lamentarci di quello che succede a livello nazionale”.

La polemica monta da tempo e sulla centrale è aperto anche un fascicolo della Procura di Forlì. Sono state più volte chieste da diversi gruppi consiliari le dimissioni sia del consigliere Raggi che del sindaco. “Il problema è diventato dunque di tutto il consiglio e siccome io non posso fare dimettere 2 persone, nel rispetto dei valori di onestà e trasparenza che voglio rappresentare per i cittadini, ho preso questa decisione: nella prossima seduta scioglierò il consiglio comunale e ci saranno le mie dimissioni”.

Per traghettare il comune di Civitella fino alle elezioni del 2014, sarà quindi necessario un breve commissariamento. “Parte la campagna elettorale – sottolinea Bergamaschi – che in realtà qui non si è mai fermata. Con questo gesto voglio fare capire ai cittadini che fino ad ora ho sopportato, dall'inizio del mio mandato, ma non perchè sono attaccato alla poltrona, e ho deciso per questo gesto di onestà”.

Alla domanda su una eventuale ricandidatura Bergamaschi risponde immediatamente con entusiasmo: “Assolutamente sì, mi ricandido. Questo episodio deve essere un nuovo punto di partenza”. La campagna elettorale è iniziata.

IL COMMENTO DEL GRUPPO CONSILIARE 'IDENTITA' E CORAGGIO'

''Siamo arrivati alla fine, e nel peggiore dei modi. Dopo quattro anni di una amministrazione fallimentare targata PD il comune vede anche l’onta del commissariamento. E’  questo  quello  che accadrà dopo le dimissioni del sindaco Bergamaschi, dopo  che  tutto  il  consiglio si è dimesso dinanzi ai suoi fallimenti e a
quelli del Pd locale. Mossa  quella  di  Bergamaschi  costruita per passare come vittima di congiure  di  palazzo ma che in realtà altro non è che il vano tentativo di sfuggire alle proprie responsabilità. La  vittoria  di  Bergamaschi del 2009 fu figlia della presenza della lista Colibrì,  lista  costituita al solo scopo di disturbare la lista Identità e Coraggio,  ma quando una vittoria nasce viziata, vive male e spesso finisce
peggio, è così è accaduto. L’amministrazione  Bergamaschi  si è sempre caratterizzata per il non fare, per aver aumentato l'imu , per non aver portato a termine nemmeno il 5 per cento del programma di mandato 2009-2014 e per  le  continue  dimissioni  di  assessori  e  consiglieri di maggioranza scontenti dell’operato del sindaco. Finalmente  ora  tutto  è finito finalmente si torna a votare, dopo quattro anni  di  “nulla”  e  dopo  l’onta  del  commissariamento , cosa questa mai avvenuta  a  Civitella  di  Romagna,  per  il  quale i civitellesi dovranno ringraziare l’ormai ex sindaco Bergamaschi e i suo compagni del Pd''.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Troppo stress nel lavorare da casa: il burnout da smart working

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento