Centro, "più bus e riduzione dei prezzi dei biglietti": la ricetta di Rifondazione Comunista

"L’unica zona viva, ad oggi, è la parte iniziale di Corso Garibaldi - prosegue -. Poi, è necessario bloccare la spirale meno negozi, meno persone in centro, praticando una politica sui prezzi degli affitti dei negozi e delle case"

Allargare l'isola pedonale, favorire il trasporto pubblico, le biciclette e i parcheggi scambiatori. Queste alcune proposte avanzate da Rifondazione Comunista per il centro storico di Forlì. Entra nel merito della questione Chiara Mancini: "Ogni volta però si avanzano misure isolate ed improvvisate, mai politiche strutturali a medio e lungo termine. Alcune proposte concrete riguardanti la mobilità. Innanzitutto occorre allargare l’isola pedonale, invece che la Ztl, passeggiare nel centro storico con un bambino è quasi impossibile, le auto, anche se diminuiranno, continueranno a transitare, a discapito della vivibilità e a differenza di quanto accade nel centro commerciale".

"L’unica zona viva, ad oggi, è la parte iniziale di Corso Garibaldi - prosegue -. Poi, è necessario bloccare la spirale meno negozi, meno persone in centro, praticando una politica sui prezzi degli affitti dei negozi e delle case. E il comune può farlo in un solo modo: tassando di più gli immobili sfitti e di meno i proprietari che affittano. Oggi non è così e il consumo del territorio viene persino favorito, sono incoraggiate l’ulteriore cementificazione e l’esplosione urbanistica della città: un’ecatombe per il centro storico. Occorre, inoltre, favorire il trasporto pubblico, le biciclette e i parcheggi scambiatori".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per Mancini è necessario "aumentare il numero degli autobus verso il centro storico e la riduzione del costo del biglietto, anziché, come è stato fatto, disporre la sosta gratuita o il pagamento dei parcheggi intorno al Centro. Ma perché queste misure abbiano successo occorre tempo e coerenza e devono essere accompagnate dal miglioramento dei servizi (scuole, spazi ricreativi, orari degli uffici e altro) e da un’offerta culturale e ricreativa legata al territorio e ai “saperi” dei forlivesi. Senza il coraggio dell’innovazione e una visione lungimirante e complessiva della città tutti gli investimenti saranno soldi sprecati".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il tuffo in mare si trasforma in tragedia: giovane muore sotto gli occhi degli amici

  • Viene da Malta, ufficializzata la prima compagnia aerea con un aereo con base al "Ridolfi"

  • Coronavirus, tre nuovi tamponi positivi. Un'infermiera colpita per la seconda volta dal virus

  • "Vuole ucciderla", i Carabinieri corrono subito. Picchiava la compagna davanti alla figlioletta, arrestato

  • "Picchiato con calci e pugni": paura sotto la torre dell'orologio, 23enne ferito

  • Apre un nuovo bar-ristorantino a due passi dal Duomo: "Scommetto sul centro, è l'ora del coraggio"

Torna su
ForlìToday è in caricamento