menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Congresso Pd, Russo: "Non è un referendum pro o contro il sindaco"

Nel dibattito in corso in vista del congresso di federazione del Pd arriva il richiamo a tutte le mozioni da parte di Guglielmo Russo, vicepresidente della Provincia e sostenitore della candidatura di Mirko Betti a segretario

Nel dibattito in corso in vista del congresso di federazione del Pd arriva il richiamo a tutte le mozioni da parte di Guglielmo Russo, vicepresidente della Provincia e sostenitore della candidatura di Mirko Betti a segretario. Questo il monito di Russo: “Un congresso serve se costruisce futuro, non se ratifica le divisioni del passato. Di cosa ha bisogno il Pd forlivese? Di una classe dirigente che continua a dividersi tra vecchio e nuovo? Non inseguiamo i fantasmi del passato o un “nuovismo” che nulla ha a che fare con un cambiamento che è ormai avvenuto nel corpo del partito. Il rinnovamento c’è stato e va con convinzione proseguito. La scommessa vera, oggi, è quella della competenza”.

E ancora: “Di cosa ha bisogno il Pd forlivese? Di una classe dirigente che si divida pro o contro il sindaco di Forlì? Non si può trasformare il congresso in un referendum tra opposte tifoserie: questa non farebbe bene al sindaco stesso. Chi ha improbabili desideri di rivincita, lasciamolo sognare. Costruiamo, invece un progetto di alto profilo per la città e il suo territorio. Il Pd forlivese non ha bisogno di una classe dirigente cristallizzata in una “comunità del rancore”, sarebbe il fallimento di tutti. C'è bisogno invece del coraggio di guardare lontano, di capacità di costruire, certo senza falsi unanimismi e nella lealtà del confronto, un partito quale “casa comune”.

Ed infine: “Questa città e il suo territorio hanno bisogno di una classe dirigente del PD che sappia essere punto di riferimento certo e affidabile per i cittadini, le imprese, il mondo delle solidarietà, che sappia offrire un orizzonte di innovazione e concretezza, che sappia essere portatrice di un forte progetto di rilancio delle nostre comunità. Non sciupiamo questa occasione”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Troppo stress nel lavorare da casa: il burnout da smart working

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento