rotate-mobile
Giovedì, 25 Aprile 2024
Siccità

"Contro la crisi climatica non servono mostri. Occorre tutelare l’acqua e le montagne con progetti innovativi"

Questa l'opinione di Cristina Mengozzi e Alessandro Ronchi, co-portavoce Europa Verde Forlì-Cesena, entrando nel dibattito che si è aperto a seguito del convegno "Cultura dell'innovazione in risposta ai cambiamenti climatici"

Per risolvere il problema della siccità, occorre "dedicare ogni risorsa possibile a rinnovare la rete, anche per migliorare la qualità, e proporre progetti innovativi di recupero delle acque dei depuratori". Questa l'opinione di Cristina Mengozzi e Alessandro Ronchi, co-portavoce Europa Verde Forlì-Cesena, entrando nel dibattito che si è aperto a seguito del convegno "Cultura dell'innovazione in risposta ai cambiamenti climatici", organizzato da Romagna Acque-Società delle fonti.

"In Italia ogni 100 litri di acqua immessi nell’acquedotto, 39 vengono dispersi. Il 60% della rete nazionale è stato posato oltre 30 anni fa, ed un quarto supera le 50 candeline di esercizio - argomentano Mengozzi e Ronchi -. Di fronte a questo scenario ed ai problemi legati ai cambiamenti climatici, rimaniamo attoniti nel sentire riproporre soluzioni scartate per impatti negativi 30 anni fa, come ad esempio una nuova diga a Pietrapazza. Ma ancora più scioccante è veder prevedere aumenti dei consumi di oltre il 20%, segno che si prevede in anticipo il fallimento di qualunque tentativo di tutela di questo bene preziosissimo. E’ evidente che ci sia un problema nella struttura organizzativa: Romagna Acque è una società partecipata dai comuni che fonda il suo business sulla vendita dell’acqua, non sulla sua tutela. Più ne vende, più alti sono i ricavi ed i dividendi per i Comuni che dovrebbero gestire il bene pubblico. Quindi invece di reinvestire tutto il guadagno in progetti che prevedano una riduzione delle perdite e degli sprechi, alla società conviene proporre progetti per aumentare le vendite".

"Per risolvere il problema, dovremmo dedicare ogni risorsa possibile a rinnovare la rete, anche per migliorare la qualità, e proporre progetti innovativi di recupero delle acque dei depuratori: sono anni che lo proponiamo, milioni di metri cubi di acqua che ributtiamo nei fiumi a valle - è l'opinione di Mengozzi e Ronchi -. Occorre finanziare cisterne ed accumuli nelle case e nei palazzi come si fa già nei paesi del sud, progettare interventi negli edifici per il ricircolo dell’acqua, fare formazione e pubblicità per insegnare a risparmiare, riducendo anche il peso delle bollette. Proporre altri mostri non solo sconvolgerebbe l’equilibrio delle nostre valli, azzopperebbe il turismo che sta aumentando, ma rimanderebbe solo il problema: come se ad un secchio bucato si decidesse di affiancarne un altro paio, invece di tapparne le falle". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Contro la crisi climatica non servono mostri. Occorre tutelare l’acqua e le montagne con progetti innovativi"

ForlìToday è in caricamento