menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Acqua al sapor di cloro a Coriano", ma arriva tutta da Ridracoli

Il consigliere leghista, Stefano Vanetti, sottolinea il disagio di molti cittadini che lamentano la convivenza con "acqua maleodorante e sulfurea". Romagna Acque assicura che l'acqua a Coriano arriva da Ridracoli

"Cloro, rubinetti corrosi dal calcare e acqua imbevibile: questo il quadro che emerge dalle innumerevoli segnalazioni di forlivesi che abitano in diversi quartieri della Circoscrizione 3, soprattutto in zona Coriano, e che lamentano una scarsa qualità dell'acqua nelle proprie case". Interviene con una nota il consigliere leghista, Stefano Vanetti, sottolineando il disagio di molti cittadini che lamentano la convivenza con  “acqua maleodorante e sulfurea”.

"Alcune zone sono servite solo dai pozzi - spiega l'assessore comunale all'ambiente, Alberto Bellini - perchè devono restare in funzione al minimo , per evitare che, una volta riaperti in primavera, portino in superficie acqua pessima. Ma nelle zone del riminese e del ravennate succede lo stesso". "Non è queso il caso della zona di Coriano - interviene il presidente di Romagna Acque, Ariana Bocchini - dove arriva il 100% di acqua da Ridracoli. Il problema probabilmente dipende dalle condotte di distribuzione finale"

"Lavatrici e lavastoviglie da rottamare, acqua imbevibile a fronte di bollette Hera salatissime. - continua però Vanetti - Come Lega Nord interrogherò il presidente della Circoscrizione 3, Giuliano Preda, sul perché alcuni quartieri ricevano acqua di serie B e per conoscerne nel dettaglio la provenienza, gli esiti delle analisi chimiche, nonché la reale percentuale di acqua di Ridracoli erogata sul totale. Sembrerebbe infatti persistere una disparità di trattamento nell'erogazione dell'acqua in alcune zone della nostra città, che ricevono acqua proveniente dai pozzi e non dalla diga di Ridracoli nonostante questa sia, in questo periodo, a livello di tracimazione."  I pozzi attivi sono quelli di Montaspro e in parte dei Romiti. "Il problema della rete di distribuzione - conclude Bellini - esiste comunque da sempre e noi stiamo sollecitando il progetto sottoscritto da Hera e Romagna Acque, che dovrebbe essere realizzato in 2- 3 anni".

Infine conclude Vanetti: "Oltre al danno la beffa: pur dovendo pagare tariffe Hera salatissime, dai rubinetti di molti forlivesi filtra acqua calcarea di dubbia provenienza. Penso che sia un dovere dell'Amministrazione comunale rassicurare i cittadini e i comitati di quartiere che da diverso tempo lamentano questa situazione."

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Forlì è al centro del Nonprofit: il 23 aprile si terrà l'open day

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento