Coronavirus, Europa Verde: "I sindaci permettano un’ora d’aria e verde ai bambini"

"Quella di vivere all’aperto, nel verde, in spazi più grandi è per i più piccoli una necessità fisiologica, una valvola che serve alla loro salute".

Europa Verde chiede "un'ora d'aria e di verde per i bambini". Questo il ragionamento del movimento col sole che sorride: "Se per un adulto la vita chiusi in appartamento è molto difficile, per un bambino è un sacrificio ancora maggiore. Quella di vivere all’aperto, nel verde, in spazi più grandi è per i più piccoli una necessità fisiologica, una valvola che serve alla loro salute".

"Non tutti, purtroppo, vivono in case con grandi giardini e spazi verdi, ed al momento non è prevista nessuna possibilità per chi non ha possibilità in aree condominiali o private di fruire di alternative - proseguono da Europa Verde -. Lo dicono psicologi e pediatri: la situazione di isolamento prolungato in cui vivono rischia di provocare, e in alcuni casi sta già provocando, problematiche che compromettono la salute e il benessere dei più piccoli, tra cui alterazioni nel ritmo sonno/veglia, scorrette abitudini alimentari, abuso di tecnologie. Così giustamente stanno nascendo petizioni popolari che chiedono di dare priorità ai bambini, e permettere loro un’ora d’aria in sicurezza".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Chiediamo quindi ai sindaci della nostra provincia, ed in particolare delle città con presenza maggiore di palazzi condominiali con limitati spazi verdi, di istituire con ordinanze per permettere alle famiglie di fruire attraverso turni delle aree verdi pubbliche, oggi chiuse per l’emergenza - proseguono da Europa Verde -. Permettendo una rotazione, e ferma restando la necessità di distanza tra le persone, ed evitando ogni forma di assembramento, riteniamo che sia possibile lasciare correre i bambini nei nostri prati almeno un’ora al giorno. Crediamo che la cittadinanza a questo punto possa assumersi questo ulteriore impegno di responsabilità, evitando comportamenti pericolosi ed al contempo riconquistando un ulteriore tassello di libertà, per il bene dei più piccoli".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aereo ultraleggero precipita e prende fuoco: perde la vita la promessa del nuoto Fabio Lombini

  • La sciagura di Fabio Lombini, gli ultimi istanti di vita col sorriso ripresi in un video

  • Addio a Fabio Lombini, "Era esempio quotidiano di forza di volontà"

  • Covid-19, amici o fidanzate non conviventi in auto: tutte le regole da seguire

  • Covid-19, il bollettino: un'anziana vittima a Forlì e un nuovo caso a Santa Sofia

  • Corso Mazzini perde un "pezzo", Trevi Sport chiude: "Una scelta sofferta, ma siamo rimasti soli"

Torna su
ForlìToday è in caricamento