Coronavirus, Ragni (Fratelli d'Italia): "Il rinvio non basta, cancellare le tasse locali"

"La giunta Zattini ha dimostrato di saper concertare iniziative utilissime per la collettività, diamo un segnale anche questa volta in questa contingenza così drammatica per cittadini e imprese"

"Confcommercio nazionale stima in tutta Italia una riduzione dei consumi di oltre 52 miliardi, con un conseguente calo del Pil del 3%. Si tratta di stime che incorporano anche gli aiuti già stanziati dal governo con l’ultimo decreto e a nostro parere del tutto insufficienti. Serve una doppia manovra shock quella dei governi (italiano ed europeo) ed anche quella che potrebbero mettere in cantiere gli enti territoriali come la Regione ed i Comuni. Su queste basi, sarebbe necessario valutare da subito, per l'amministrazione comunale di Forlì, l'annullamento della fiscalità locale e la richiesta alla società partecipate, Alea per prima, di cancellare gli oneri che incombono su cittadini e imprese". A lanciare la proposta è l'esponente forlivese di Fratelli d'Italia, Fabrizio Ragni.

"Penso - prosegue Ragni - alla necessità di cancellare le fatture di Alea, le quote fisse (tari e occupazione suolo pubblico) che incombono non soltanto sulle imprese che hanno dovuto sospendere l'attività (negozi, ristoranti, botteghe artigiane) ma anche quelle ditte (tabaccai, prodotti da asporto) che in questi due mesi si sono viste abbattere i guadagni fino al 90%, soldi che non rientreranno mai più nelle tasche di commercianti, artigiani con dipendenti a carico, esercenti, professionisti, Partite Iva e freelance di vario tipo. Un intero settore produttivo che rischia di uscire stritolato da questi mesi di crisi economica da Covid-19. E si badi bene: proponiamo di cancellare i tributi, le incombenze fisse. Non chiediamo di sospenderle o rinviarle, ma annullarle del tutto".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo l'esponente forlivese di Fratelli d'Italia in situazioni di emergenza, non a caso di è parlato di “economia di guerra”, è necessaria una “moratoria” su pagamenti , imposte ed utenze, così come sui tributi di prossima e immediata scadenza: "O se non altro venga scontata la quota parte relativa al periodo di emergenza che autonomi e Partite Iva stanno sopportando, calcolando le imposte soltanto sui mesi effettivi di fatturato. Potremmo anche ragionare sul flessibilità della leva comunale dell'Irpef, rimodulandola al ribasso. O utilizzare quota parte delle sanzioni per infrazioni al DPCM sul Coronavirus come fondo per le aziende in crisi. Insomma, apriamo il cantiere delle idee, anche ascoltando le associazioni di categoria. La giunta Zattini ha dimostrato di saper concertare iniziative utilissime per la collettività, diamo un segnale anche questa volta in questa contingenza così drammatica per cittadini e imprese. Non ci sarà una seconda opportunità per scongiurare il baratro del fallimento per centinaia di lavoratori. Agiamo subito".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il bollettino più nero per Forlì: tre morti. Deceduto anche un ragazzo di 26 anni, attivo negli Scout

  • Il coronavirus si è portato via il direttore di Romagna Acque Andrea Gambi

  • Coronavirus, si aggrava il bilancio delle vittime: tre morti nelle ultime 24 ore

  • Aziende, il premier firma il decreto: ecco le attività che possono restare aperte

  • Esplosione di contagi alla casa di riposo di Rocca San Casciano: 16 positivi, scatta l'isolamento

  • Balzo degli infetti nel Forlivese: +36 in 24 ore. In Rianimazione ci sono 11 positivi al virus

Torna su
ForlìToday è in caricamento