Covid e stadi a porte aperte, il caso Forlì scuote la politica. Italia Viva: "Pronti a collaborare. Ma le regole vanno rispettate"

"Siamo pronti a collaborare con la società e le istituzioni, attraverso i nostri rappresentanti istituzionali in Consiglio comunale, in Regione e in parlamento", informa in una nota Italia Viva

Entra nel dibattito politico la disputa a porte aperte di Forlì-Seravezza Pozzi, match vinto mercoledì scorso dai biancorossi per 2-1 e conclusosi dopo il triplice fischio con una multa comminata dalla Polizia di Stato per aver violato le norme anti-covid avendo concesso ai tifosi di assistere all'incontro. La società forlivese ha successivamente diffuso una nota con la quale si è dichiarata "a conoscenza del Decreto Ministeriale che imponeva di giocare a porte chiuse alle Società di serie D" e di avere scelto, consapevolmente, di giocare a porte aperte per sollevare il problema che riguarda il calcio dilettantistico.

Dopo l'intervento Sara Samori, consigliere comunale Pd, che ha chiesto all'amministrazione comunale di attivarsi in merito alla problematica, ecco quello di Italia Viva: "Non vogliamo entrare nel merito delle scelte della società però, proprio per il grande rispetto che scrive di nutrire nei confronti del suo pubblico, crediamo che avrebbe dovuto rendere nota la situazione a coloro che sono entrati allo Stadio Morgagni mercoledi scorso e che, inconsapevolmente, hanno violato delle regole. In questa delicata fase per la vita di tutti, le regole vanno rispettate più che mai".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Siamo pronti a collaborare con la società e le istituzioni, attraverso i nostri rappresentanti istituzionali in Consiglio comunale, in Regione e in parlamento, per affrontare ogni tipo di questione e porci dalla parte di chi prova a risolvere i problemi - viene evidenziato -, ma sempre e comunque nel rispetto delle regole, soprattutto quelle anti-Covid, che ogni cittadino e organizzazione hanno il dovere di seguire scrupolosamente".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Forlì parte la ribellione delle palestre: "Se imporranno la chiusura, non chiuderemo"

  • Coronavirus, ecco il nuovo dpcm punto per punto: ristoranti chiusi alle 18. Stop per palestre, cinema e teatri

  • Coronavirus, due insegnanti e tre studenti infettati: classe dell'asilo in quarantena

  • Meldola in lutto per la scomparsa di Stefanino, il sindaco: "Una figura speciale per tutti"

  • Travolto all'uscita della scuola: bimbo trasportato d'urgenza al Bufalini

  • Non paga i debiti della propria azienda: l’imprenditore creditore assolda i killer per ucciderlo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento