menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Crisi edlilizia, Bartolini (Pdl): "La burocrazia della Regione ostacola"

"Il Governo vara un importante provvedimento (legge 106/2011), ma quando viene chiesto alle regioni di adottare un simile provvedimento legislativo regionale ecco che l'Emilia Romagna si rifiuta di farlo"

“Anche a Forlì l'edilizia è in crisi, ma la Regione ostacola i professionisti e di conseguenza i cittadini.  Infatti, il Governo vara un importante provvedimento (legge 106/2011), ma quando viene chiesto alle regioni di adottare un simile provvedimento legislativo regionale ecco che l'Emilia Romagna si rifiuta di farlo: hai voglia a scacciare la crisi in questo modo, la nostra Regione rossa si preoccupa solamente di aumentare la burocrazia, che ormai ha raggiunto livelli insopportabili tali da opprimere l'iniziativa privata”. Il ragionamento è del consigliere regionale del Pdl, Luca Bartolini.

“In questo caso la colpa non è certo di Berlusconi, ma del modo di agire post comunista adottato dal presidente Vasco Errani che, a guardarci bene, di post ha davvero poco. - continua Bartolini - Ho forti dubbi che con una semplice delibera si possano fornire indicazione applicative a una legge dello Stato, che tra l'altro prevedeva nel testo un provvedimento legislativo in capo all'Assemblea legislativa - sottolinea l'esponente del Pdl - questo modo di fare della Regione mette un freno all'economia e crea disagio e preoccupazione tra gli addetti ai lavori. Non a caso la Federazione degli Ordini degli Architetti dell'Emilia Romagna ha scritto più volte alla Regione per mettere in luce, oltre allo scarso coinvolgimento dei professionisti, i problemi provocati dal non aver dato indicazioni locali a seguito del Decreto Sviluppo. La Regione, invece di cogliere l'occasione per semplificare e dare nuovo slancio ad un settore in affanno come quello edile, ha preferito rifugiarsi nel solito gomitolo di procedure burocratiche che nulla semplifica, ma che soprattutto agisce come un inutile e fastidioso freno a mano tirato per il settore".

Bartolini chiede chiarimenti alla giunta regionale: “perché ha bypassato l'Assemblea legislativa con una delibera che non ha i requisiti previsti dalla legge dello Stato". Il consigliere regionale chiede alla Regione di cambiare passo. “Servono iniziative urgenti per dare un netto cambio di marcia che risponda alle tante promesse elettorali fatte da Errani sullo snellimento delle procedure autorizzative in carico alla Regione - sottolinea Bartolini - procedure che, se confrontate con quelle di altre Regioni anche a noi confinanti, fanno emergere un'impostazione ideologica post comunista, tipica di chi vuole iper regolamentare all'eccesso ogni giornata della nostra vita, mettendo letteralmente in croce non solo i professionsti, ma anche i cittadini costretti ad attendere tempi biblici per semplici pratiche amministrative".  
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Troppo stress nel lavorare da casa: il burnout da smart working

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento