Da Monaco di Baviera il primo volo per Forlì, Di Maio: "Programmare una nuova prospettiva per la Romagna"

Afferma il parlamentare: "È il momento di dimostrare di sapere cogliere le opportunità che la riapertura dello scalo aeroportuale può assicurare alla città e a tutto il territorio circostante"

Il primo dicembre sarà un giorno speciale per Forlì. Alle 19 atterrerà il primo volo da Monaco di Baviera della compagnia Air Dolomiti. "Questo è il tempo di guardare al futuro", afferma il deputato Marco Di Maio, che argomenta: "Gli aneddoti che potrei raccontare sul percorso che ci ha portati qui, cioè fino al momento in cui tutti celebrano la riapertura dell’aeroporto di Forlì rivendicandone il merito, sarebbero tantissimi. Non mi interessa farlo, chi deve sapere sa. Questo non è il momento delle polemiche, ma di programmare una nuova prospettiva per Forlì e la Romagna".

Prosegue il parlamentare: "È il momento di dimostrare di sapere cogliere le opportunità che la riapertura dello scalo aeroportuale può assicurare alla città e a tutto il territorio circostante: dalle ricadute economiche-occupazionali all’ulteriore sviluppo delle attività legate alla formazione. Senza gelosie, senza campanili e senza divisioni ideologiche. Ora tutti lavorino per unire gli sforzi verso l’obiettivo comune della ripartenza economica anche del territorio romagnolo e non per dividere sulla base di calcoli politici o bandiere di partito. Grazie a chi non ha mai smesso di crederci, anche quando eravamo rimasti in pochi a farlo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pensioni dicembre: pagamento anticipato, il calendario per ritirarle alla Posta

  • Chiude supermercato in corso della Repubblica, ma non si spegne la vetrina e restano i servizi ai residenti

  • Dopo la morte del figlio, l'anziana titolare si ritira: la prima fabbrica di cioccolato della Romagna è in vendita

  • Violento schianto frontale sul rettilineo: grave una donna, soccorsa con l'elicottero

  • Porta loro da mangiare, viene aggredito dai cinghiali che aveva "adottato": trasportato d'urgenza al Bufalini

  • Lo storico marchio della piadina cambia di proprietà. La produzione resta a Forlì

Torna su
ForlìToday è in caricamento