Dalla scuola al lavoro, le conseguenze del covid. La Cgil: "E' urgente risolvere i nodi irrisolti"

"La Cgil continuerà a mobilitarsi per ridurre le diseguaglianze già presenti e che la pandemia ha incrementato", evidenzia Giorgini

"Soddisfazione". Il segretario generale della Cgil, Maria Giorgini, traccia un bilancio di "Aspettando Facciamo Quadrato", la festa del sindacato di Forlì che si è svolto martedì su un unico appuntamento al Parco Incontro di Via Ribolle. "La qualità del dibattito, la presenza di illustri ospiti, la capacità delle volontarie e volontari di organizzare in sicurezza i momenti di socializzazione, ci fanno dire che si sia trattato di un importante momento di discussione di cui noi e la città avevamo bisogno per rimettere al centro della discussione il lavoro e la condizione delle persone", evidenzia Giorgini. 

"Le testimonianze ascoltate durante i dibattiti ci fanno dire che è urgente risolvere i nodi irrisolti anche sul nostro territorio: dalla grande sfida di riapertura delle scuole, all' altrettanto urgente ripresa del dialogo sulla condizione di solitudine e fragilità della popolazione anziana e infine affrontare in uno specifico tavolo istituzionale tra sindacati, associazioni di categoria e istituzioni quale piano di sviluppo territoriale intendiamo sostenere sapendo che investimenti pubblici e privati vanno progettati fin da subito - prosegue -. La Cgil continuerà a mobilitarsi per ridurre le diseguaglianze già presenti e che la pandemia ha incrementato; lo faremo tenendo in prima linea i nostri valori, la capacità di dialogo e di proposta, e sostenendo le nostre rivendicazioni  sempre con la partecipazione delle persone che rappresentiamo. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da Giorgini "un ringraziamento sentito al presidente della Regione Stefano Bonaccini, al presidente della Provincia Gabriele Fratto e al sindaco di Forlì Gian Luca Zattini, per il contributo portato alla nostra iniziativa e per la volontà congiunta di proseguire i confronti in atto nell'interesse delle cittadine e dei cittadini e per il futuro della nostra regione e del nostro territorio. Grazie alle associazioni intervenute, tra cui l'Anpi, Libera, Emergency, Forlì Città Aperta, Centro per la Pace, Auser, Federconsumatori e Sunia e a Luca Taddia e Fabio Cremonini che hanno concluso la serata con loro musica, militante e di alta qualità. In ultimo un sentito ringraziamento a  Luigi Giove, segretario generale della Cgil Emilia Romagna e a Susanna Camusso, della Cgil Nazionale, per aver dedicato il loro prezioso tempo alla nostra Festa e averci dato utili strumenti di analisi per far fronte alle sfide immediate e future, e un abbraccio agli attivisti sindacali dei lavoratori attivi e pensionati senza i quali queste iniziative non  sarebbero possibili".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La tabaccheria ancora baciata dalla fortuna, nuovo terno al Lotto: "Forse una data di nascita"

  • Coronavirus, ecco il nuovo dpcm punto per punto: ristoranti chiusi alle 18. Stop per palestre, cinema e teatri

  • Coronavirus, due insegnanti e tre studenti infettati: classe dell'asilo in quarantena

  • Meldola in lutto per la scomparsa di Stefanino, il sindaco: "Una figura speciale per tutti"

  • Aeroporto, il Ridolfi torna sui radar di tutto il mondo: si parte con i voli commerciali

  • Coronavirus, contagi in aumento. Bonaccini non esclude una stretta sulle scuole

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento