rotate-mobile
Politica

Decreto Aiuti, Vietina (Noi Moderati): “Per agroalimentare e terzo settore sostegni insufficienti per il caro-energia"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ForlìToday

“Raccolgo e condivido l’appello del presidente di Confcooperative Romagna, Mauro Neri: nei Decreti Aiuti Bis e Ter la scelta di vincolare i contributi maggiori contro il caro-energia ai codici ATECO e non agli effettivi consumi è pericolosissima. Allo stato attuale sono tagliate fuori migliaia di imprese agricole, agroalimentari e tutte quelle realtà no-profit del terzo settore che si prendono cura delle persone più fragili. Una scelta incomprensibile che oggi, con l’energia sempre più alle stelle, rischia di portare al collasso imprese e aziende con un impatto gravissimo su decine di migliaia di famiglie. A questo si aggiunga anche la messa a rischio di intere filiere agroalimentari che rappresentano un’eccellenza nazionale e che forniscono prodotti ortofrutticoli e vitivinicoli anche a tutte l’Europa.


Sarebbe un danno incalcolabile al quale però è ancora possibile porre rimedio. la proposta di Noi Moderati è chiara: sblocchiamo i fondi strutturali europei che le Regioni stanno programmando in queste settimane: Por, Fesr, Fse, Psr: strumenti spesso già noti al mondo agroalimentare ma soprattutto miliardi di euro a disposizione senza creare nuovo debito, come abbiamo fatto per il Covid. Ma occorre agire in fretta: famiglie e imprese non possono attendere i rimpiattini con Bruxelles”. Così l’on. Simona Vietina, capolista in Emilia al Senato per “Noi Moderati”

Simona Vietina (Noi Moderati)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Decreto Aiuti, Vietina (Noi Moderati): “Per agroalimentare e terzo settore sostegni insufficienti per il caro-energia"

ForlìToday è in caricamento