menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Decreto Rilancio, Ragni (FdI): "Il Governo esclude i professionisti dal contributo a fondo perduto"

In Emilia-Romagna gli occupati indipendenti sono stimati tra 435-459 mila, di cui 100-113mila sono liberi professionisti iscritti ad ordini professionali (10mila circa a Forlì-Cesena)

"Il decreto Rilancio pubblicato in Gazzetta, riserva un'amara sorpresa al mondo dei professionisti. Lo Stato non erogherà più il contributo a fondo perduto ai singoli lavoratori e delega e alle Casse Previdenza delle rispettive categorie l'onere e la valutazione di (e se) erogare un nuovo "bonus" di 600 euro per ciascuno dei mesi di aprile e maggio". A dirlo è l'esponente di Fratelli d'Italia, Fabrizio Ragni. "Il mese di marzo era stato pagato (in ritardo, ad aprile) e per i mesi restanti ogni professionista dovrà affidarsi al caso ed anche alla fortuna - prosegue -. Potendo già dire che le promesse di iniezione di liquidità e celerità nell'erogare i contributi alla persone e lavoratori colpiti dal lockdown erano promesse da marinaio".

"Insomma, in tutti questi mesi di blocco delle attività ci siamo sorbiti parole al vento, come era facile attendersi da partiti e movimenti come Pd e 5 stelle che non conoscono, incombenze, sofferenze burocratico-fiscali e tribolazioni ordinarie delle categorie professionali. Una vergogna - insiste Ragni -. Ove mai venisse accolto a sostegno dei professionisti iscritti ai vari ordini il rifinanziamento , per il tramite delle rispettive Casse di Previdenza del “bonus” di 600 euro, gli stessi si troverebbero però esclusi dalla possibilità di fruire del contributo a fondo perduto di somma superiore (da 800 a mille euro) introdotto dal medesimo decreto per le altre categorie di lavoratori autonomi con gestione separata, o speciali, insomma una doppia ingiustizia".

Conclude Ragni: "La questione interessa migliaia di persone. In Emilia-Romagna gli occupati indipendenti sono stimati tra 435-459 mila, di cui 100-113mila sono liberi professionisti iscritti ad ordini professionali (10mila circa a Forlì-Cesena), svolgono un ruolo importante nel sistema produttivo e sociale, e sono anello di congiunzione tra enti , obblighi di legge e cittadini. Rappresentano circa il 23% sul totale dell’occupazione regionale, e in molti casi (nel 14/18%) i liberi professionisti sono anche datori di lavoro. Dunque si doveva a questa categoria il rispetto e l'attenzione che Conte, Di Maio e Zingaretti, non hanno certamente avuto in questa fase delicata di economia in sofferenza dopo tre mesi di emergenza sanitaria da Coronavirus".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento