menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dimissioni Errani, elezioni anticipate: Balzani in attesa. "Sto a guardare cosa succede"

L'ex sindaco di Forlì, Roberto Balzani sentito da Forlitoday, all'indomani del terremoto in Emilia-Romagna, chiarisce: "Ho scelto la strada di non dire nulla per ora, preferisco stare a guardare cosa succede"

L'ex sindaco di Forlì, Roberto Balzani resta per ora in silenzio su una sua possibile candidatura come presidente della Regione, rimasta senza presidente martedì dopo le dimissioni di Vasco Errani. Dopo avere sempre lasciata aperta questa possibilità, e averla confermata nei giorni scorsi al Resto del Carlino, sentito da Forlitoday, all'indomani del terremoto in Emilia-Romagna, chiarisce: “Ho scelto la strada di non dire nulla per ora, preferisco stare a guardare cosa succede. Tra qualche giorno la situazione si dovrebbe sbloccare e anche io prenderò una decisione”

Le dimissioni di Vasco Errani aprono, infatti, la corsa alla successione, con il rischio di una competition interna alla maggioranza 'dem'. Il passo indietro del governatore costringe il quartier generale del Pd ad anticipare il dossier delle regionali. Lo scenario delle elezioni in autunno, chiesto a gran voce dai Cinque Stelle, non viene escluso neppure ai vertici del Pd, colti in qualche modo in contropiede. Tra i contendenti, riporta l'Agenzia Dire, si fanno i nomi di Stefano Bonaccini, segretario regionale uscente e responsabile Enti locali nella segreteria di Matteo Renzi, Daniele Manca, sindaco di Imola e presidente regionale dell'Anci, e dello stesso Richetti, che di Errani e' stato il presidente del consiglio regionale.

Tutti nomi che si muovono nell'orbita renziana, della prima o della seconda ora. E proprio per questo a decidere la contesa, potrebbe essere lo stesso Renzi. A norma di statuto, infatti, nel caso in cui la stragrande maggioranza dei componenti dell'assemblea regionale si esprima per una delle candidature in campo, non ci sarebbe bisogno delle primarie, e in questo caso balzani sarebbe tagliato fuori. Fu questa la procedura che consenti' ad Errani di candidarsi.

Sulla scelta delle dimissioni, Balzani afferma: “Ha fatto bene, anche io se fossi stato condannato avrei fatto la stessa cosa”. Anche il deputato Marco Di Maio, sulla sua pagina Facebook, commenta l'accaduto: “Con le sue dimissioni Vasco Errani dimostra senso di responsabilità e rispetto per l'istituzione che rappresenta, confermando una dote già nota ai tanti che lo conoscono. Apprezzo la sua scelta, che speravo non arrivasse e non si rendesse necessaria; Vasco è un uomo che, a prescindere che si fosse o meno d'accordo con lui, non ha mai anteposto interessi personali a quelli della collettività. Sono certo che dimostrerà la correttezza dei suoi comportamenti (di cui non dubito) nelle sedi opportune. Questa non è la giornata degli sciacalli e della fantapolitica, ma del silenzioso rispetto per una scelta che è tutto fuorché scontata. Verrà poi il tempo per una sana e indispensabile discussione sul futuro della nostra Regione e non sui destini dei singoli”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Troppo stress nel lavorare da casa: il burnout da smart working

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento