Politica

Disabili e barriere architettoniche, ordine del giorno bipartisan: "Uniti per eliminare le disparità di trattamento"

"Un ottimo esempio di come la politica che non guarda a mere logiche di schieramento, può fare cose buone e rendere un servizio migliore alle nostre comunità perseguendo l’obiettivo primario di tutelare l’interesse generale", affermano Dogheria e Marchi

La lista civica Forlì Cambia e Italia Viva hanno presentato lunedì in Consiglio comunale un ordine del giorno per "stimolare l'Amministrazione a mettere in campo tutte le iniziative, tutte le risorse (coinvolgendo il contributo fondamentale della Regione) ed il massimo impegno per la rimozione delle discriminazioni e delle differenze di trattamento verso le categorie più fragili, in particolare con disabilità". "Si è chiesto in particolare un impegno per rendere le fermate degli autobus fruibili ed idonee all'utilizzo da parte delle persone diversamente abili", affermano i consiglieri comunali Elio Dogheria di Forlì Cambia e Massimo Marchi di Italia Viva.


"L'eliminazione delle barriere architettoniche nelle nostre città è una questione di civiltà - proseguono Dogheria e Marchi -. Lavorare in questo senso è un impegno che sentiamo nostro e al quale non ci sottraiamo. Siamo orgogliosi quindi di aver presentato questo ordine del giorno, già approvato in altri consigli comunali della nostra Provincia, ma soprattutto siamo felici che abbia trovato il consenso all'unanimità di tutto il Consiglio Comunale. Un ottimo esempio di come la politica che non guarda a mere logiche di schieramento, può fare cose buone e rendere un servizio migliore alle nostre comunità perseguendo l'obiettivo primario di tutelare l'interesse generale. Su questi temi, come su altri di interesse comune, continueremo a lavorare insieme".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Disabili e barriere architettoniche, ordine del giorno bipartisan: "Uniti per eliminare le disparità di trattamento"

ForlìToday è in caricamento