Diserbanti sulle strade, diffida dei Verdi: "Abbiamo le foto dei mezzi spargi-veleno"

Dopo la denuncia del Movimento 5 Stelle, anche la federazione dei verdi di Forlì interviene sulla questione dei diserbanti sulle strade: “Lungo tutte le nostre strade l’erba ha assunto il colore giallo"

Dopo la denuncia del Movimento 5 Stelle, anche la federazione dei verdi di Forlì interviene sulla questione dei diserbanti sulle strade: “Lungo tutte le nostre strade l’erba ha assunto il colore giallo, bruciata dai velenosi diserbanti chimici sparsi sui cigli e lungo i bordi dei fossi a lato di tutte le strade di ogni ordine e  grado. I gestori hanno dichiarato guerra all’erba e si sa, in guerra, non si va tanto per  il sottile, provocando inquinamento, immissione di veleni nei corpi idrici superficiali, facendo strage di piccola fauna e insetti che sono cibo per altri animali”.

“Tutto ciò si sa, ma fanno finta di niente, non se ne curano affatto, né i Comuni, a cominciare da quello di Forlì, che nel suo regolamento vieta l’uso dei diserbanti nei cigli dei fossi, né la Provincia che dovrebbe tutelare agricoltura e ambiente – scrivono i Verdi - La Provincia si dovrebbe occupare di agricoltura, anche di quella biologica. Se si fa agricoltura biologica è vietato l’uso di diserbanti ed è fatto divieto anche ai coltivatori confinanti di utilizzarli a meno di 10 metri dai confini per non provocare danni alle coltivazioni bio. Cosa importa alla Provincia tutto ciò quando è lei ad operare? Nulla di nulla, i velenosi diserbanti chimici sono sparsi lungo tutte le strade provinciali, sui bordi dei fossi che le delimitano senza distinzione, ovunque. Quando la provincia controllerà il campo bio ai bordi del quale, se vicino ad una strada provinciale, sono state sparse in abbondanza molecole di diserbante, cosa dirà?”

“Il Comune di Forlì col proprio regolamento del verde vieta di usare diserbo chimico lungo i fossi. In tutti i fossi stradali. Nel Comune di Forlì si usa diserbo chimico lungo i fossi a bordo delle strade provinciali (e non solo). - scrivono gli ambientalisti nella nota - Cosa sta facendo il suddetto Comune e quali provvedimenti intende prendere l'assessore all'Ambiente,  quali sanzioni ha comminato o intende comminare  a chi sta violando così clamorosamente le sue disposizioni? Ricordiamo che poco tempo fa Il Comune con propri funzionari in divisa, ha diffidato un cittadino che in un giardinetto di 6 metri quadrati non aveva spazzato le foglie secche, per il pericolo indotto dalla possibile presenza di animali pericolosi. Strabismo? Intanto i Verdi hanno inviato questa mattina al sindaco una diffida perché applichi il regolamento del verde nei confronti della Provincia. Se gli servono prove sappia che abbiamo le foto dei mezzi che spargono veleno”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, il bollettino domenicale: altri contagiati nel Forlivese

  • Non ce l'ha fatta il motociclista tamponato da un'auto: era un volto noto della città

  • Coronavirus, ci sono i primi due studenti positivi: nessuna chiusura di classi e scuole

  • Coronavirus, altri quattro casi a Predappio. Tra i contagiati anche uno studente

  • Coronavirus, 5 pazienti in terapia intensiva. Scoppia un nuovo focolaio a Predappio

  • Denis Dosio, tanta sofferenza dietro il successo: confessione in lacrime al Grande Fratello

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento