È scontro sul conferimento di rifiuti da Imola nell’inceneritore di Coriano

È scontro Pd – Lega sul conferimento di rifiuti extraurbani nell’inceneritore di Coriano. "La giunta regionale non da conferme su tempi e quantitativi", afferma Pompignoli

La Lega Nord, attraverso il consigliere regionale Massimiliano Pompignoli, torna sulla questione rifiuti in arrivo dalla discarica Tre Monti di Imola e destinati al termovalorizzatore di Forlì. "Al momento la situazione è alquanto fumosa - sottolinea Pompignoli -. Il limite massimo di capienza della discarica di Forlì è di 120mila tonnellate e ora ha già raggiunto la quantità di 119.950. Come potranno essere rispettati i limiti?" Allo stesso modo il consigliere regionale ritiene improbabile che i rifiuti della Tre Monti siano conferiti nella struttura forlivese solo per il tempo strettamente necessario di 10 giorni, considerando che la decisione del Tar dovrà passare anche per il Consiglio di Stato con un inevitabile allungamento delle procedure amministrative e giudiziarie.

La Giunta, attraverso l'assessore Paola Gazzolo, in risposta ha sottolineato come la scelta degli impianti di Forlì e Granarolo, nel bolognese, sia motivata dalla prossimità rispetto al bacino imolese, in modo da limitare i costi, e ha garantito che il trasferimento dei rifiuti avverrà nel rispetto dei limiti fissati. "Prendiamo atto della risposta e verificheremo quali saranno i fatti - ha risposto il consigliere -, ma è evidente che né i tempi né la quantità massima saranno rispettati. Volete davvero farci credere che arriveranno a Forlì solo 50 chili di materiale?".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gazzolo ha chiarito che, come previsto dalla delibera di Giunta regionale DGR 34/2018, adottata dopo la sentenza del Tar sulla discarica di Imola, il termovalorizzatore forlivese è stato usato per il tempo strettamente necessario, dal 15 al 29 gennaio. Escluse le domeniche, si tratta di 13 giorni. "Il Comune di Forlì, in nome del principio della solidarietà istituzionale, ha accettato di supportare i 5 comuni vicini in una fase di emergenza - affermano i consiglieri regionali Pd Valentina Ravaioli e Paolo Zoffoli - solo per il tempo strettamente necessario, così come assicurato dalla Regione e nel rispetto dei limiti massimi consentiti, che per Forlì corrispondono a 120 mila tonnellate annue. Teniamo a precisare, in risposta alle dichiarazioni strumentali del consigliere della Lega Massimiliano Pompignoli che tale limite è stato rispettato nel 2017, essendo state conferite entro il 31/12 circa 119mila tonnellate, e sarà rispettato anche nell’anno in corso". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Saette, tuoni e brusco calo delle temperature. E c'è una nuova allerta temporali

  • Prima sfuriata temporalesca nel Forlivese, venti oltre i 70 km/h: crollano diversi alberi

  • Esce di strada e finisce con l'auto contro la recinzione di una casa: è grave

  • Saetta colpisce e incendia un'insegna pubblicitaria sulla Cervese

  • Attesi altri temporali, l'allerta meteo comunicata al telefono: "Ridurre gli spostamenti"

  • Piscine, acconciatori ed estetisti: una nuova ordinanza per chiarire i protocolli anti-Covid

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento