rotate-mobile
Politica

Elezioni, Balzani non ci ripensa. In caso di Primarie si voterà il 2 marzo

"Io resto a quello che ha dichiarato pubblicamente - sottolinea il segretario territoriale del Pd forlivese, Valentina Ancarani - Il regolamento è stato approvato giovedì sera"

Se non si troverà un candidato unitario, sii voterà domenica 2 marzo per le Primarie. La direzione del Pd sì è riunita giovedì sera ed ha approvato i regolamenti. Ormai la ricandidatura del sindaco Roberto Balzani è data per persa. “Io resto a quello che ha dichiarato pubblicamente – sottolinea il segretario territoriale del Pd forlivese, Valentina Ancarani – Il regolamento è stato approvato giovedì sera, durante la direzione nessuno ha palesato la propria candidatura, credo sia ancora presto per fare valutazioni sui nomi”.

Chi deciderà di candidarsi dovrà raccogliere le firme dall'1 al 10 febbraio. Poi partirà la campagna elettorale di meno di un mese. Il comitato organizzatore delle Primarie sarà istituito entro il 27 gennaio. A nulla dunque sono serviti gli appelli al primo cittadino per la sua ricandidatura, dopo le dichiarazioni del 23 dicembre. A meno che non riservi un colpo di scena, il Pd dovrà trovare altri candidati.

In caso di Primarie di Coalizione, le firme dovranno essere raccolte tra gli elettori. In caso di Primarie del Pd, invece, tra gli iscritti, e il numero di firme necessario è pari al 3% degli iscritti al 31/12/2013; oppure all'interno dell'Assemblea comunale, per un numero pari al 10% dei membri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni, Balzani non ci ripensa. In caso di Primarie si voterà il 2 marzo

ForlìToday è in caricamento