Politica

Elezioni, Di Maio: "Fare squadra per progetti e problemi del territorio che non hanno colore politico"

Il deputato romagnolo scrive a tutti i sindaci eletti o rieletti: "finita la campagna elettorale, lavoriamo insieme per vincere le sfide future della nostra terra"

"Terminata la fase elettorale, si mettano da parte le divisioni e si lavori per i molti progetti che attendono di essere portato avanti per il territorio, con un gioco di squadra tra istituzioni diverse e senza gelosie inutili di campanile, politiche o rancori". E' l'appello che arriva dal deputato romagnolo Marco Di Maio, che in queste ore ha scritto una lettera formale a tutti i sindaci eletti o rieletti " per congratularmi con loro e mettermi a disposizione per lavorare insieme sui progetti, i problemi e le opportunità che riguardano la nostra terra".

"Ci attendono mesi molto importanti e decisivi per determinare lo sviluppo della nostra terra - afferma - a partire dalla capacità che le istituzioni locali avranno di intercettare e spendere in modo proficuo i fondi del PNRR e gli altri investimenti che, grazie alla nascita dal Governo Draghi e alle nostre battaglie parlamentari sul piano per le infrastrutture, sono stati messi in campo. Allo stesso modo ci sono criticità da affrontare, una doverosa riorganizzazione del sistema sanitario, risposte da dare ai piccoli comuni, alle imprese, alle persone: si può partire da visioni differenti, ma alla fine occorre saper mettere da parte le differenze e collaborare in modo compatto". 

"Sono convinto che solo tramite un corretto e rispettoso gioco di squadra tra i diversi livelli istituzionali si possa permettere al nostro territorio di vincere le molte sfide che abbiamo di fronte - ribadisce - e per questo ho voluto ribadire la mia totale disponibilità a tutti gli amministratori eletti o confermati. Se la Romagna unisce le sue forze, non ce n'è per nessuno".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni, Di Maio: "Fare squadra per progetti e problemi del territorio che non hanno colore politico"

ForlìToday è in caricamento