Elezioni europee, Sinistra Italia: "In campo per un’Europa dei popoli e non della finanza"

"Come Sinistra Italiana forlivese abbiamo contribuito alla nascita di queste liste, e riteniamo sia necessario riprendere il desiderio di cambiare"

La Sinistra Italiana alle elezioni europee del 26 maggio sarà presente con una propria lista che aderisce al gruppo parlamentare della Sinistra Europea. "Ci saremo per un’Europa dei popoli e non della finanza, per un’Europa dei diritti sociali e civili, della tutela di un ambiente sempre più saccheggiato da un sistema economico predatorio che sta uccidendo il nostro pianeta - viene spiegato -. Sosterremo l’abbandono delle politiche neoliberiste e dell’austerità che continuano ad alimentare le diseguaglianze tra esseri umani, per una forte iniziativa europea di rilancio degli investimenti pubblici finanziati con prelievi sulle grandi ricchezze e sulle multinazionali. Per cambiare questa Europa, per contrastare la destra xenofoba occorre una affermazione della lista “La Sinistra”, l’unica lista di sinistra che si presenterà alle prossime elezioni europee".

"Nella stessa giornata in molte città e capoluoghi di provincia della nostra Regione si voterà per il rinnovo delle amministrazioni comunali. In tanti comuni della Regione abbiamo provato a stimolare o a far parte di processi aggregativi reali con alla base una visione delle città che tenga al centro i bisogni reali delle e dei cittadini, il bene comune e uno sviluppo sostenibile - viene aggiunto -. Lo sforzo e la passione di tante e tanti, la necessità di un modello di governo alternativo a quello proposto dal dettato neoliberista che porta con se diseguaglianza e razzismo, ha fatto sì che in tanti territori queste proposte siano in grado di presentarsi alle prossime elezioni amministrative. Processi e percorsi che come Sinistra Italiana riteniamo preziosi poiché capaci di attivare cittadine e cittadini attorno alla necessità di praticare e concretizzare l’alternativa politica al neoliberismo; per questo ci aspettiamo e ci auspichiamo che i percorsi sviluppati a Cesena (Fondamenta), Ferrara (Coalizione Civica per Ferrara), Forlì (L’Alternativa per Forlì), Modena (Modena Volta Pagina), Reggio Emilia (Reggio Emilia in Comune), solo per citare i capoluoghi di provincia, abbiano la fiducia e il voto del popolo della sinistra, poiché in quei percorsi c’è la sinistra, la sua idea di società, i suoi valori.In quei percorsi c’è la volontà di costruire città solidali che mettano al centro la giustizia sociale, che lavorino per eliminare le diseguaglianze, che contrastino lo sfruttamento del territorio e abbiano al centro la tutela dell’ambiente, che rifiuta l’involuzione razzista e fascista e la contrasta concretamente. In quei percorsi c’è la sinistra che si attiva, che produce democrazia e partecipazione, ci sono le idee e le pratiche alternative delle quali c’è estremo bisogno per superare questa crisi sociale ed economica e respingere l’involuzione culturale nella quale stiamo sprofondando".

"Come Sinistra Italiana forlivese abbiamo contribuito alla nascita di queste liste, e riteniamo sia necessario riprendere il desiderio di cambiare, di partecipare, di non arrendersi al razzismo - conclude Ermes Zattoni, segretario provinciale di Sinistra Italiana -. Un voto a sinistra per ricostruire un'alternativa, che non si deve fermare alla data delle elezioni. Una lista di giovani che rappresenta il futuro della sinistra a Cesena, una lista robusta e giovane a Forlì".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pensioni dicembre: pagamento anticipato, il calendario per ritirarle alla Posta

  • Chiude supermercato in corso della Repubblica, ma non si spegne la vetrina e restano i servizi ai residenti

  • Violento schianto frontale sul rettilineo: grave una donna, soccorsa con l'elicottero

  • Dopo la morte del figlio, l'anziana titolare si ritira: la prima fabbrica di cioccolato della Romagna è in vendita

  • La sciagura del ciclista ucciso, "Era generoso e scherzoso". L'automobilista indagata per omicidio stradale

  • La rabbia del titolare del ristorante: "Lo Stato mi nega il ristoro, io riapro"

Torna su
ForlìToday è in caricamento