rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Politica

Elezioni, gli atei replicano all'appello del vescovo: "Invadenza accanita"

E' quanto afferma il coordinatore del Circolo dell'Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti di Forlì-Cesena, Matteo Teodorani, a commento delle parole del vescovo Livio Corazza pubblicate sul settimanale diocesano "Il Momento"

"L'invadenza del clero nella vita politica si fa più accanita ed arriva persino a dettare l'agenda ai candidati alle elezioni amministrative locali". E' quanto afferma il coordinatore del Circolo dell'Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti di Forlì-Cesena, Matteo Teodorani, a commento delle parole del vescovo Livio Corazza pubblicate sul settimanale diocesano "Il Momento". "Come sono lontani i tempi del non expedit emanato da Pio IX nel 1874 in reazione alla presa di Roma da parte del Regno d'Italia il 20 Settembre 1870 - esordisce Teodorani -. Sembrano molto lontani anche i tempi del “Libera Chiesa in libero Stato” di cavouriana memoria, tanto che la “Chiesa”, che ha sempre mal digerito la perdita (formale) del potere temporale e si è eretta a Stato sovrano, nel frattempo ha rimarcato il suo ruolo di dominus con ben due accordi internazionali con lo Stato italiano: prima i Patti Lateranensi poi il Concordato".

"Oggi, vediamo che, nonostante (o anche a causa di ciò) l'avanzata della secolarizzazione, l'invadenza del clero nella vita politica si fa più accanita ed arriva persino a dettare l'agenda ai candidati alle elezioni amministrative locali - conclude -. Riteniamo che questa intrusione sia un fatto grave che mini la laicità stessa delle istituzioni repubblicane e auspichiamo che i candidati non si facciano condizionare da questi tentativi di condizionamento e rimangano autonomi nell'affrontare in modo laico i problemi e le richieste dei cittadini, a partire da quelle riportate nelle “domande laiche” che abbiamo inviato a tutti i candidati a Sindaco di Cesena e Forlì il 24 aprile scorso".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni, gli atei replicano all'appello del vescovo: "Invadenza accanita"

ForlìToday è in caricamento