rotate-mobile
Verso le elezioni

Elezioni, la medicina del territorio tra le priorità di Tassinari (Fi): "Le Case della salute vanno riportate nei territori"

L'esponente berlusconiana evidenzia l'importanza dell'assistenza anziani per le dimissioni protette

Tra le priorità del programma elettorale di Rosaria Tassinari, candidata alla Camera per Forza Italia nel collegio della Romagna e di Ferrara, c'è lo sviluppo della medicina e del welfare del territorio. L'esponente berlusconiana evidenzia l'importanza dell'assistenza anziani per le dimissioni protette. Argomenta Tassinari: "Quando le persone, specialmente se anziane o disabili, escono dall’ospedale, non vanno dimesse e basta. Per un certo periodo vanno seguite e protette. Esistono già alcune protezione, ma vanno implementare". Per quanto riguarda l'unità di valutazione geriatrica, "attualmente opera in modo molto lento. In alcuni casi si impiegano anche mesi, troppi. Occorre quindi accelerare la valutazione per non abbandonare le persone non autosufficienti a se stesse o alle famiglie".

In merito alla Medicina del territorio, "con la pandemia da Covid-19 la medicina si è spinta fortemente sulla aziendalizzazione degli ospedali e delle Ausl - sostiene Tassinari -. Il territorio nel suo insieme è stato, se non dimenticato, sicuramente reso secondario nelle decisioni di vertice e nella pratica quotidiana. Queste decisioni nel tempo hanno si portato alcuni ospedali del territorio romagnolo ad essere punti di eccellenza sanitaria, ma hanno ridotto le peculiarità territoriali a puro assistenzialismo, causando problemi non indifferenti alla salute dei cittadini più deboli, alle loro famiglie e, di ritorno per richieste di prestazioni di frustrazione, anche al sistema sanitario. Un ospedale funziona meglio e bene, se ha un territorio efficiente. Un territorio poco curato causa malati e disabili ed aumenta spese ed occupazione di posti letto. La prevenzione non va abbandonata, ma va proposta e fatta laddove è utile ovvero nei territori. Ricordo che tutti i cittadini sono “territoriali” e diventano saltuariamente ospedalieri. Avere un territorio dimenticato mette in crisi un intero sistema di sanità e di welfare".

Altro tema è quello delle case della salute: "Per farle funzionare meglio, per aver un welfare efficiente e per far funzionare meglio una medicina di prossimità che non lasci sole le persone, le Case della salute vanno riportate nei territori, laddove ci sono i bisogni delle persone, vicino alle persone per conoscerne i problemi e risolverli. Inoltre, in queste strutture dovrebbe operare un sistema misto di sociale e sanitario, in modo che il servizio alle persone, specialmente le più fragili, sia completo", rimarca Tassinari. Infine i centri di aggregazione e volontariato: "Nei territori romagnoli ci sono tantissime associazioni del volontariato o del privato sociale, che aiutano e gestiscono attività in favore di gruppi di persone anziane disabili ed in disagio sociale. Queste potrebbero aumentare i loro servizi, facendo per esempio, anche fisioterapia, con volontari adeguatamente preparati. Istituzioni sanitarie, del welfare e della politica devono dialogare e lavorare insieme di più per rendere concreto un welfare di comunità per mettere in pratica i principi di equità, solidarietà e partecipazione a servizio di tutti i cittadini, in particolare anziani e disabili".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni, la medicina del territorio tra le priorità di Tassinari (Fi): "Le Case della salute vanno riportate nei territori"

ForlìToday è in caricamento