rotate-mobile
Politica

Elezioni, Morrone (Lega) contro Bonaccini: "Critica la flat tax senza conoscerla"

"Sulla flat tax Bonaccini prende una cantonata pazzesca: è in mala fede o non la conosce"

“Stefano Bonaccini appare sempre più la parodia di se stesso. Lo abbiamo sentito tuonare in tv, in piazza e nei social con le solite smargiassate. Gli suggeriamo più riflessione e più studio, soprattutto se pensa di candidarsi, come sembra, a segretario nazionale Pd. Sulla flat tax Bonaccini prende una cantonata pazzesca: è in mala fede o non la conosce. In ogni caso sbaglia perché basterebbe leggere la nostra proposta per capire che si tratta di una rivoluzione a vantaggio di tutti”: così in una nota il parlamentare Jacopo Morrone, segretario della Lega Romagna.

“La prima fase della flat tax, per altro, è già in vigore in Italia a vantaggio di due milioni di partite Iva grazie alla Lega. Oggi la soglia è 65mila euro ma l’obiettivo è estenderla a 100mila. La seconda fase prevede l’applicazione di questo sistema a imprese e famiglie fino a 70mila euro tenendo conto del quoziente famigliare. Il costo si aggirerebbe sui 12 miliardi già disponibili. Si garantirebbero maggiori risorse soprattutto ai nuclei famigliari monoreddito con figli a carico. La fase tre, da realizzare entro un quinquennio, prevede l’estensione del sistema a tutti. Dunque, la verità è esattamente l’opposto di ciò che afferma Bonaccini e già questo lo rende poco credibile. Ma è addirittura un suicidio politico quello di Bonaccini quando tocca il tema della sanità per colpire il centrodestra, mentre il sistema sanitario dell’Emilia-Romagna si trova in uno stato di crisi profonda forse irreversibile”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni, Morrone (Lega) contro Bonaccini: "Critica la flat tax senza conoscerla"

ForlìToday è in caricamento