rotate-mobile
Politica

Elezioni regionali, l'Altra Emilia Romagna: " La salute dei cittadini non si baratta. Blocchiamo i camion"

"Noi, invece, pensiamo che le leggi ingiuste e vessatorie, come lo “Sblocca Italia”, debbano essere seriamente boicottate, innanzitutto da parte della Regione e del Comune, e poi dai cittadini"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ForlìToday

"Il Pd, con i presidenti del Consiglio Monti, Letta e Renzi sta governando dal novembre 2011 e invece di affrontare seriamente il problema dei rifiuti incentivando la raccolta differenziata e fissando norme per diminuirne la produzione, stabilisce, con il famigerato art. 35 del decreto “Sblocca Italia”, che occorre incenerire di più, anche se la popolazione locale produce meno rifiuti. L’incapacità del Governo è pagata con la salute dei cittadini. Di fronte a questa ingiustizia e sopraffazione, gli amministratori locali del forlivese, prima dichiarano (solo a parole, come consuetudine) sfaceli, poi rientrano nei ranghi del Partito Democratico, chiedendo di barattare, nelle parole dell’assessore Bellini, la salute dei cittadini con qualche soldo, le cosiddette compensazioni.

Noi, invece, pensiamo che le leggi ingiuste e vessatorie, come lo “Sblocca Italia”, debbano essere seriamente boicottate, innanzitutto da parte della Regione e del Comune, e poi dai cittadini. Perciò, noi ci opporremo con ogni mezzo all’aumento dei rifiuti inceneriti e al loro arrivo da fuori regione, impedendolo anche fisicamente, anche bloccando i camion. La salute dei cittadini non si garantisce con le compensazioni ma mantenendo le promesse, se la raccolta differenziata nel territorio aumenta, i rifiuti da incenerire devono diminuire, ancorché ciò contravvenga agli interessi economici di un colosso come Hera, a cui il Decreto “Sblocca Italia” regala enormi profitti. Ed è questo, forse, il reale motivo per cui non si incentiva la raccolta differenziata su tutto il territorio nazionale. Sono, perciò, vergognosi i voltafaccia degli amministratori e dei deputati locali ed inaccettabile il silenzio pilatesco dei candidati al Consiglio Regionale che non hanno assunto nessuna presa di posizione netta e seria contro il Decreto “Sblocca Italia”".

I Candidati al Consiglio Regionale de L’Altra Emilia Romagna
Euro Camporesi
Diletta Basini
Rita Fiumana

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni regionali, l'Altra Emilia Romagna: " La salute dei cittadini non si baratta. Blocchiamo i camion"

ForlìToday è in caricamento