rotate-mobile
Verso le elezioni

Elezioni, 26 pagine di idee per appoggiare Rinaldini: Rinnoviamo Forlì svela il programma elettorale

La lista civica ha illustrato le proprie idee in una conferenza stampa, toccando tutte le tematiche cittadine dal centro storico alle famiglie

Una Forlì solidale, sicura, sostenibile e attrattiva che abbia gli standard di una città europea. Questa è la sintesi del programma della lista civica che sosterrà il candidato sindaco Graziano Rinaldini, presentata venerdì mattina in una conferenza stampa fiume, nella quale è stata proposta la visione dei civici per il futuro della città, maturata dal lavoro dell'associazione di elaborazione coordinata e presentata da Fosco Foglietta e poi estrapolata in forma di programma politico dalla lista.

Sicuramente il fatto che una lista civica abbia presentato un proprio programma è stato anomalo in una campagna elettorale, ma a spiegarne i motivi è stato Fosco Foglietta. “Tutti i 26 punti del nostro programma sono stati condivisi con il sindaco - ha affermato Fosco Foglietta - in quanto c’è grande comunanza di intenti. La nostra lista è un insieme di idee di tante persone e siamo un piccolo tassello per appoggiare il candidato sindaco Rinaldini”.

Rinnoviamo forlì-3

L’apertura di Michele Fiumi ha sottolineato la volontà di concentrarsi sui punti programmatici più rilevanti ed urgenti, lavorando sinergicamente al candidato sindaco e alla coalizione. “Rinnoviamo Forlì è nata dall’associazione Rinnoviamo Forlì grazie al lavoro enorme di una sessantina di persone - ha spiegato -. I nostri punti focali sono il voler creare le basi di un polo moderato e rinnovare la città, ridando a Forlì un ruolo importante nel tessuto romagnolo. Purtroppo Zattini non ha cambiato Forlì come diceva la sua lista cinque anni fa, logo che ora appare scritto in maniera molto più piccola, anzi è peggiorata perché non c’è mai stata una progettualità, una strategia e soprattutto ha scaricato le responsabilità durante l’alluvione, gestita male. Oltre a non essere intervenuto come avrebbe dovuto, ha scaricato la responsabilità sulla Regione e a distanza di un anno non è ancora cambiato nulla. Inoltre quando ero presidente del Comitato Unitario Vittime del Fango, ho scritto decine di email al Comune per chiedere aiuto, ma non ho mai avuto risposta". 

Leggi le notizie di ForlìToday su WhatsApp

"Anche nel commercio ci sono stati passi indietro ed inoltre ha avuto cinque anni per fare il Piano Urbanistico Generale che ancora manca. Riguardo al centro storico, credo sia cambiato in negativo con negozi chiusi, la sicurezza che è peggiorata per non parlare dei passi indietro dal lato dell’innovazione tecnologica e dalla mancata valorizzazione della fiera e dell’aeroporto, che so per certo che alcune richieste dei soci non sono state ascoltate. Inoltre ha detto che è stato lui a portare a Forlì la facoltà di Medicina e ad occuparsi di aerospazio, ma la realtà dice che non è così. Inoltre è rimasto un solo consigliere della sua lista e questo testimonia il suo fallimento politico”.

Nelle 26 pagine del programma di Rinnoviamo Forlì vengono trattati nel dettaglio e in maniera molto esplicativa tutte le tematiche.
“Fondamentale è creare una apertura tra istituzioni, imprese e cittadini in modo che ci siamo sempre un dialogo costante per creare sinergia - ha detto Foglietta - perché soltanto con la cooperazione si possono raggiungere gli obiettivi comuni per il bene della città. Riguardo alla sanità, abbiamo un progetto realizzabile che punta a migliorare l’assistenza domiciliare, un aspetto importantissimo. Bisogna formare i caregiver per garantire agli anziani e agli ammalati la migliore assistenza che deve andare di pari passo con quella dei professionisti e abituarli ad utilizzare i sistemi digitali. Inoltre vogliamo mettere in primo piano i volontari, perché possano stare vicino a quelle persone fragili che soffrono di solitudine”.

I temi riguardanti il benessere della comunità sono stati presentati dalla Coordinatrice del Programma Elisa Zecchini
che ha spiegato le politiche riguardanti il diritto all’abitazione, supporto alle famiglie, con particolare attenzione ad asili nido e centri estivi. “La sicurezza dei cittadini è una priorità assoluta - ha sottolineato -. L’approccio che abbiamo adottato è di intervenire sulle condizioni che determinano l’illegalità: povertà, precarietà ed emarginazione sociale. Inoltre vogliamo prendere una posizione netta contro la violenza di genere proponendo la creazione del Circuito di Iris Versari” una unione di bar, negozi ed esercizi dove le vittime di reato possano trovare un primo rifugio e accoglienza da parte di cittadini formati in materia".

Del centro storico ha parlato il laureando in scienze politiche Davide Stagi. “Il centro della città rappresenta il cuore pulsante di Forlì - ha dichiarato- ed è ribadendo l'impegno a riqualificare il centro con misure concrete, rendendolo più vivibile e attrattivo, sia dal punto di vista abitativo che commerciale.  Vogliamo valorizzare il nostro patrimonio storico-culturale per promuovere l'identità locale e attrarre nuovi visitatori. In quest’ottica vogliamo incentivare l’utilizzo di parcheggi a corona, favorendo la creazione di zone pedonali nelle zone centrali che possano favorire la socialità. Si realizzerà un Centro commerciale all’aperto nelle vie del centro storico, avviando un consorzio tra pubblico e privato che consenta di mettere a disposizione spazi e risorse pubbliche a vantaggio sia della cittadinanza che degli esercenti".

"Riguardo al ricongiungimento tra scuola ed imprese la proposta è di dare vita ad una Fiera dell’Orientamento Forlivese, un ponte tra imprese, diplomati e neolaureati che favorisca la permanenza di giovani di valore e che serva da feedback rispetto alle esigenze delle imprese per gli enti di formazione. Nella nostra provincia, l'imprenditoria giovanile rappresenta un punto critico, nonostante il ricco patrimonio di talento umano presente grazie all'Università di Bologna. Questo si riflette nella nostra posizione al terzultimo posto a livello nazionale per imprenditori under 35. È pertanto fondamentale concentrare l'attenzione sui progetti e start-up ideati da giovani e riflettere". In chiusura Francesco Marino, coordinatore della lista, ha ripercorso la posizione sulla digitalizzazione della città, su cui la Lista si è esposta e spesa nelle settimane precedenti. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni, 26 pagine di idee per appoggiare Rinaldini: Rinnoviamo Forlì svela il programma elettorale

ForlìToday è in caricamento