rotate-mobile
Mercoledì, 28 Settembre 2022
Politica

Elezioni, Sensoli (Impegno civico): "Strutture turistiche chiuse per il caro-bollette? Lo Stato può coprire fino all'80%"

"Noi proponiamo che lo Stato paghi l’80% delle bollette di tutte le imprese, dal piccolo bar alla grande azienda, fino alla fine dell’anno"

“Dopo gli ottimi risultati dei mesi estivi che sembrano aver messo definitivamente in cantina il periodo buio del Covid, sarebbe davvero molto grave se le strutture turistiche della Romagna fossero costrette a chiudere già nelle prossime settimane rinunciando così alla stagione autunnale a causa del caro bollette. Ecco perché è assolutamente necessario che ci sia un intervento immediato e diretto da parte del Governo. Noi proponiamo che lo Stato paghi l’80% delle bollette di tutte le imprese, dal piccolo bar alla grande azienda, fino alla fine dell’anno. Servono 13,5 miliardi e li possiamo ottenere dalle maggiori risorse che lo Stato incassa, ad esempio, da Iva e accise derivanti dall’inflazione”.

È il commento di Raffaella Sensoli, candidata nel collegio plurinominale della Camera dei Deputati 3 con Impegno Civico. “Il grido d’allarme delle aziende turistiche in Romagna non può e non deve restare inascoltato. Soprattutto negli ultimi anni il nostro territorio aveva investito moltissimo sulla stagione autunnale, concentrando anche diversi investimenti sul settore fieristico e gli eventi ad esso collegati, oltre a quelli sportivi – aggiunge Raffaella Sensoli – Obbligare alberghi e B&b a chiudere a causa dei costi proibitivi di gas ed energia rappresenterebbe un colpo mortale per l’intero settore. Un’eventualità che dobbiamo scongiurare in tutti i modi con un impegno diretto del Governo” conclude Sensoli. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni, Sensoli (Impegno civico): "Strutture turistiche chiuse per il caro-bollette? Lo Stato può coprire fino all'80%"

ForlìToday è in caricamento