menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Elezioni, a Predappio il convegno “I diritti nella Lista Ingroia”

Il convegno “I diritti nella Lista Ingroia” organizzato dal gruppo di coordinamento forlivese che si richiama all’ex PM antimafia, ha visto la presenza di Flavio Lotti

Una serata dedicata ai temi della pace e della non violenza è quella che l’assessore del Comune di Predappio, Anna Maria Vallicelli, ha ideato e promosso a favore dei cittadini forlivesi sotto le bandiere di Rivoluzione Civile – Lista Ingroia. Il convegno “I diritti nella Lista Ingroia” organizzato dal gruppo di coordinamento forlivese che si richiama all’ex PM antimafia, ha visto la presenza di Flavio Lotti – organizzatore della marcia Perugia-Assisi  e presidente della tavola della pace – e del deputato IDV Antonio Borghesi, entrambi candidati per la Lista Ingroia.

Introdotti dalla stessa Vallicelli che, aprendo il convegno, ha posto l’accento sull’importanza che il nuovo parlamento affronti in modo prioritario i temi del welfare sia sotto l’aspetto finanziario (creare i presupposti per il lavoro giovanile, per gli aiuti alle famiglie disagiate, per il diritto alla salute che deve essere garantito ad ogni cittadino) sia sotto quello programmatico, per un’Italia che esca dalla crisi in cui si dibatte costruendo un futuro di lavoro e concretezza per le generazioni a venire.

Flavio Lotti, ricordando un suo recente viaggio a Gerico, ha costruito una efficacissima similitudine per illustrare ad una gremita sala, la situazione italiana, Gerico, come noto, si trova nel punto più basso della terra (-400 mt. sotto il livello del mare) e da lì è impossibile scendere più in basso. “Il nostro Paese si trova nella stessa situazione e, per risalire la china, deve necessariamente intraprendere una strada diversa da quella che lo ha portato alla disastrosa situazione attuale. Dobbiamo, tra l’altro,  abbandonare gli sprechi della malapolitica e le inutili spese in armamenti, affrontare seriamente il problema della lotta ai grandi capitali mafiosi e smettere di promuovere leggi che, al contrario, agevolano l’accumulazione di quei capitali”.

Borghesi, chiamato in causa dallo stesso Lotti in quanto tra i pochissimi rappresentanti dell’attuale Parlamento in grado di ascoltare le sollecitazioni del mondo della società civile e pacifista, a sua volta, ha posto l’accento sulle tante iniziative di legge e di lotta che le forze progressiste hanno cercato di portare avanti negli attuali contesti politici, tra l’indifferenza – o peggio – l’ostilità di gran parte delle forze parlamentari. Lotti e Borghesi hanno infine dato appuntamento ai cittadini forlivesi, dopo le elezioni, per ascoltarne le istanze e le proposte quali portavoce parlamentari della società pacifista.

A seguire, nella splendida cornice della sala di Informazione Turistica dell’Arena Hesperia di Meldola, il locale comitato di Rivoluzione Civile-Lista Ingroia, coordinato da Roberto e Matteo Tesei, ha salutato la cittadinanza meldolese in un vivacissimo incontro a cui hanno partecipato i candidati a Camera e Senato del comprensorio forlivese e si sono avvicendati al microfono alcuni tra i principali esponenti politici del territorio, oltre agli stessi organizzatori.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Forlì è al centro del Nonprofit: il 23 aprile si terrà l'open day

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento