Equo compenso, Morrone (Lega): "Ennesima beffa del ministro "tentenna" ai professionisti"

Il parlamentare della Lega Jacopo Morrone commenta la notizia dell'accordo siglato dal ministro Bonafede con il coordinatore della Rete professioni tecniche (RTP) in tema di equo compenso.

"Il ministro ‘tentenna’. Così verrà ricordato il guardasigilli Alfonso Bonafede. Dopo i clamorosi scivoloni di questi mesi, anche sull’equo compenso il ministro si limita a siglare un Protocollo d’intesa per monitorare la situazione. Un modo come un altro per ritardare la concreta applicazione dei parametri relativi alla disciplina dell’equo compenso. Un problema noto la cui soluzione è già a portata di mano, senza bisogno di ulteriori rilevazioni. Dal 18 ottobre 2019, infatti, giace alla Camera un disegno di legge di cui sono il primo firmatario, che, non a caso, è ancora fermo ai blocchi di partenza. Non c’è dubbio che questo incredibile ritardo faccia parte del metodo del ‘rinvio’ adottato dal Governo". Il parlamentare della Lega Jacopo Morrone commenta così la notizia dell'accordo siglato dal ministro Bonafede con il coordinatore della Rete professioni tecniche (RTP) in tema di equo compenso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Già conosciamo le esigenze degli ordini professionali e, in particolare, dei giovani professionisti su questo tema - prosegue Morrone -. Il ‘Tavolo tecnico per la riforma della disciplina dell’equo compenso’, che ho istituito durante i mesi in cui ho ricoperto il ruolo di sottosegretario alla Giustizia, è servito proprio ad approfondire i problemi e a condividere quelle linee guida che caratterizzano il disegno di legge bloccato alla Camera. Bonafede, dunque, punta solo a prendere tempo dando in pasto alle centinaia di migliaia di professionisti delle professioni tecniche un documento che non aiuta a fare un passo avanti, dimenticando, tra l’altro, tutte le altre professioni, comprese quelle forensi. Un successone, non c’è che dire”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Forlì parte la ribellione delle palestre: "Se imporranno la chiusura, non chiuderemo"

  • Coronavirus, ecco il nuovo dpcm punto per punto: ristoranti chiusi alle 18. Stop per palestre, cinema e teatri

  • Coronavirus, due insegnanti e tre studenti infettati: classe dell'asilo in quarantena

  • Meldola in lutto per la scomparsa di Stefanino, il sindaco: "Una figura speciale per tutti"

  • Travolto all'uscita della scuola: bimbo trasportato d'urgenza al Bufalini

  • Non paga i debiti della propria azienda: l’imprenditore creditore assolda i killer per ucciderlo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento