rotate-mobile
Alluvione, la politica

"Estendere gli aiuti agli alluvionati con l'avanzo di bilancio": la proposta di Forlì & Co

Giovedì è stato fatto il punto rispetto all’arrivo dei ristori governativi e delle donazioni ricevute dal Comune

"Il Comune metta a disposizione una parte del suo avanzo di bilancio per raddoppiare la somma raccolta dalle donazioni, di modo da poter distribuire fondi ad altre centinaia di famiglie alluvionate". E' la proposta presentata in occasione della Commissione alluvione dal capogruppo di Forlì & Co, Federico Morgagni. Giovedì è stato fatto il punto rispetto all’arrivo dei ristori governativi e delle donazioni ricevute dal Comune.

"Purtroppo i numeri illustrati dal presidente della Commissione, Lauro Bondi, non hanno fatto che certificare quello che gli alluvionati lamentano ogni giorno - esordisce Morgagni -: per la grandissima parte delle famiglie colpite il sostegno ricevuto dalle istituzioni non è mai andato oltre le poche migliaia di euro stanziati, peraltro non senza ostacoli e ritardi, tramite i Cis e i Cas. Per quanto riguarda i ristori, nonostante le promesse del governo, i fondi messi a disposizione rimangono di gran lunga inferiori all’ammontare dei danni subiti dal nostro territorio e le normative continuano a escludere la possibilità di rifondere i beni mobili perduti. Soprattutto, il carattere estremamente farraginoso delle ordinanze commissariali sta di fatto impedendo a famiglie e imprese, travolte in una vera e propria odissea burocratica di moduli, perizie e preventivi, di presentare domanda e ottenere almeno i soldi effettivamente disponibili".

"Si tratta di un problema di ampia portata, la cui gravità è confermata dal fatto che risultano, per il nostro territorio, appena 13 richieste di ristoro caricate sull’apposita piattaforma: il rischio tangibile è che molte persone, soprattutto quelle in condizione di maggiore fragilità, finiscano per essere escluse anche da questo sostegno, già di per sé insufficiente - continua Morgagni -. Abbiamo quindi rinnovato la richiesta al Comune di imitare quanto fatto da altre città e predisporre un vero e proprio sportello, con personale formato, per rispondere ai dubbi degli alluvionati e accompagnare, per quanto possibile, le persone nella compilazione delle richieste di ristoro". In commissione è stato inoltre annunciato che, nelle prossime settimane, finalmente inizierà l’iter per l’impiego delle donazioni ricevute dal Comune. "Si tratta di una notizia positiva ma che tuttavia non scusa l’incredibile ritardo accumulato in questi mesi - prosegue l'esponente di Forlì & Co -. Mentre i comuni vicini hanno infatti avviato da tempo, e ormai concluso, l’erogazione dei fondi delle rispettive donazioni, a Forlì, a 9 mesi dall’alluvione, si è ancora fermi agli annunci di futuri stanziamenti a causa di una gestione incomprensibile e pasticciata da parte di Sindaco e Giunta".

"Rimane poi il fatto che le donazioni arriveranno solo a circa 670 nuclei familiari alluvionati (su un totale di oltre 3000, sebbene un numero esatto non esista visto che non si è mai voluto fare un censimento) a causa della decisione del Comune di escludere tutte le famiglie con Isee superiore a 25.000 euro - prosegue Morgagni -. Abbiamo quindi proposto, una volta di più, che il Comune metta a disposizione una parte del suo avanzo di bilancio per raddoppiare la somma raccolta, di modo da poter distribuire fondi ad altre centinaia di famiglie alluvionate. Su queste richieste chiediamo che il Comune si attivi con estrema urgenza, smettendo di far ricadere sui cittadini l’inerzia e inefficienza mostrati in tutti questi mesi". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Estendere gli aiuti agli alluvionati con l'avanzo di bilancio": la proposta di Forlì & Co

ForlìToday è in caricamento