Politica

Forlì Cambia presenta un Odg per aumentare e migliorare la presenza di defibrillatori

Il Gruppo Consiliare chiede un impegno per censire e monitorare i dispositivi già presenti sul territorio comunale e la promozione di una campagna di sensibilizzazione nelle scuole

E’ un impegno chiaro a tutela della salute della cittadinanza, quello richiesto dal Gruppo Consiliare della Lista civica Forlì Cambia al Sindaco Gian Luca Zattini e alla Giunta, in particolare per censire e monitorare attentamente i defibrillatori attualmente disponibili in città e per incrementarne la presenza. I consiglieri, inoltre, caldeggiano la promozione di una campagna di sensibilizzazione nelle scuole forlivesi di ogni ordine e grado, in occasione della giornata mondiale della rianimazione cardiopolmonare che si celebra ogni anno il 16 ottobre. Il pacchetto di proposte è stato ufficialmente presentato in Consiglio Comunale il 4 ottobre con un Ordine del giorno, già inserito tra gli argomenti della seduta di lunedì 11. Prima firmataria è Maria Teresa Rinieri, con a seguire le firme del capogruppo Elio Dogheria, Loris Ceredi ed Elena Morra.

Nel testo i quattro consiglieri di Forlì Cambia ricordano: “La legge n. 116 del 4 agosto 2021 è diretta a favorire ed a disciplinare la dotazione e l’utilizzo dei defibrillatori in diversi luoghi e situazioni, anche da parte di soggetti non specificamente formati, regolando il collegamento e l’interazione con la rete dell’emergenza territoriale 118, e promuovendo campagne di informazione e sensibilizzazione, nonché l’introduzione di specifici insegnamenti, anche negli istituti di istruzione primaria e secondaria”. Provvedimenti importanti se si pensa che l’arresto cardiaco è un killer silenzioso che rappresenta la principale causa di morte nei paesi occidentali. La percentuale di sopravvivenza è legata alla tempestività dell’intervento di defibrillazione. Ogni minuto che passa dal momento dell’arresto cardiaco la possibilità di sopravvivenza scende del 10%: dopo 5 minuti le probabilità di salvataggio sono del 50%, dopo 10 minuti sono pari a zero. La sopravvivenza a un arresto cardiaco è attualmente inferiore al 10% se non si interviene con sistemi di defibrillazione precoce. I dati scientifici segnalano invece che la sopravvivenza in caso di arresto cardiaco si ha nel 46% dei casi, quando si interviene subito con un defibrillatore. Una percentuale di sopravvivenza che in città cardioprotette come Piacenza sale al 93% grazie alla presenza capillare di defibrillatori.

I consiglieri di Forlì Cambia ricordano, inoltre, che “è stata introdotta la depenalizzazione nell’uso dei defibrillatori da parte di personale non sanitario. Chiunque, quindi, potrà intervenire e applicare il defibrillatore (in stato di necessità ovvero in assenza di personale sanitario o non sanitario formato), seguendo le indicazioni che l’apparecchiatura darà al soccorritore in automatico, senza il timore di andare incontro a conseguenze giudiziarie”. Indicano poi la necessità di agire tempestivamente poiché entro centoventi giorni dall’entrata in vigore della legge 116 del 4 agosto 2021, “deve essere emanato un DPCM per la definizione del programma pluriennale volto a favorire la progressiva diffusione ed utilizzo dei defibrillatori. Con il medesimo decreto saranno stabilite le modalità di accesso delle amministrazioni pubbliche ai contributi previsti per l’attuazione delle citate disposizioni pari a 2 milioni di euro annui a decorrere dal 2021”.

La nuova legge prevede l’introduzione, nelle scuole secondarie di primo e secondo grado, di percorsi formativi alle tecniche di rianimazione cardiopolmonare di base e di utilizzo dei defibrillatori nonché campagne informative rivolte a studenti, genitori, personale docente e non docente per informare sulle manovre di rianimazione cardiopolmonare e sull’uso del defibrillatore. Inoltre i consiglieri della Lista Civica Forlì Cambia auspicano che vengano attivate delle procedure per la mappatura dei defibrillatori nel territorio e per la segnalazione e individuazione degli stessi. I rappresentanti della Lista civica infine affermano: “Ci auguriamo che l’Ordine del giorno, possa trovare in Consiglio Comunale un voto unanime di approvazione, su una questione concreta ed estremamente importante che davvero, non solo per modo di dire considerato l’argomento, sta a cuore a tutti”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Forlì Cambia presenta un Odg per aumentare e migliorare la presenza di defibrillatori

ForlìToday è in caricamento