Primarie Pd, oltre 7mila elettori: trionfano Di Maio e Zanetti

Molto alta anche a Forlì l'affluenza ai seggi per le Primarie del Partito democratico per la designazione dei candidati al parlamento per le elezioni politiche 2013

Marco Di Maio e Veronica Zanetti

Marco Di Maio trionfa alle Primarie del Partito democratico per la designazione dei candidati al parlamento per le elezioni politiche 2013 che si terranno a metà febbraio. Il segretario territoriale forlivese, 29 anni, ha ottenuto ben 3.932 preferenze contro le 2.401 del vice presidente della Provincia, Guglielmo Russo. Non c'è stato il testa a testa pronosticato alla vigilia, con Di Maio in testa fin dai primi seggi scrutinati. A vittoria acquisita, Di Maio è esploso in un pianto liberatorio. Poi sorrisi e abbracci.

Rovente il telefonino del vincitore, tempestato di chiamate di congratulazioni. Tra queste quella del sindaco Roberto Balzani, che lo ha sostenuto nella candidatura insieme ai sindaci Pierangelo Bergamaschi (Civitella di Romagna), Giorgio Frassineti (Predappio), Paolo Zoffoli (Forlimpopoli) e Luigi Pieraccini (Castrocaro e Terra del Sole).

"Abbiamo vinto, tutti insieme - sono le prime parole di Di Maio attraverso la sua pagina Facebook -. Un grazie enorme ai 3932 che mi hanno dato fiducia, a tutti quelli che hanno reso possibili queste primarie, a tutti coloro che mi hanno sostenuto con il voto, che mi hanno sostenuto umanamente, che mi hanno aiutato sempre, in queste settimane e in tutte quelle precedenti. Adesso avanti tutti insieme per vincere le elezioni vere, quelle del 24-25 febbraio".

Esulta anche Veronica Zanetti, capogruppo del Pd in consiglio comunale a Forlì, con 1.879 voti. "E' stato un risultato straordinario, frutto dell'impegno di chi mi è stato vicino e di si è speso investendo il proprio tempo - ha esordito Zanetti su Facebook -. Ringrazio coloro che conosco da tempo e hanno dimostrato una fiducia costante nei miei confronti e coloro, al contrario, i cui volti due mesi fa neppure conoscevo ma che hanno intrapreso con me il cammino all'insegna del Rinnovamento e hanno creduto in questo progetto. E tutti coloro che, senza che io lo sapessi o lo avessi chiesto, hanno spontaneamente scelto di appoggiarmi e promuovere la mia persona".

"E infine, ma non per importanza, coloro che hanno votato! Non solo per me, ma quelle 7832 persone che per la terza volta in un mese hanno voluto contribuire a rafforzare la democrazia insita nelle primarie. Abbiamo dimostrato che mettere la faccia in ciò per cui si crede non solo è un dovere, anche quando non è facile e scontato, ma soprattutto può portare anche risultati - conclude Zanetti -. Mi complimento con Marco Di Maio per la sua splendida performance e con tutti gli altri candidati per i risultati ottenuti".

L'avvocato Elena Toni ha ottenuto ben 1562 preferenze, mentre il consigliere provinciale Gessica Allegni non è andata oltre i 1343 voti. La dirigente della Provincia Marina Flamigni ha ottenuto 714 voti. Solo 608 preferenze per Lucia Bongarzone, coordinatrice delle donne del Pd dell'Emilia-Romagna. A complimentarsi con Di Maio e Zanetti anche Russo, che ha ringraziato "le 2.401 persone che hanno espresso la loro fiducia in me votandomi, dopo una campagna elettorale appassionata, breve e intensa.Un abbraccio a tutti i volontari che hanno lavorato con me per la nostra idea di bene comune e un ringraziamento di cuore a tutti i militanti che oggi erano a tenere aperti i seggi".

Russo ha aggiunto che continuerà "ad operare per il territorio forlivese, ora lavoriamo insieme per l'obiettivo vero: un'Italia Giusta, l'Italia che vogliamo". Alle urne si sono recati in 7.400 (7.328 le schede valide), ben oltre le aspettative della vigilia, il 38,6% dei 19146 votanti rispetto al 25 novembre. "E' una grande prova di democrazia partecipata", ha evidenziato Russo. A mezzogiorno si sono presentati 3.356 elettori, circa il 38% di quanti avevano votato alle primarie per la scelta del candidato premier. Alle 17 il numero di elettori è salito a 5.789, il 36,7% rispetto alla scorsa tornata elettorale.

Sette i candidati da scegliere: oltre a Di Maio, Russo e Zanetti si sono candidate Elena Toni, Lucia Bongarzone, Marina Flamigni e Gessica Allegni. Per votare occorreva dichiararsi elettore del PD e versare una quota minima di 2 euro per sostenere le spese organizzative delle Primarie. Era possibile esprimere sulla scheda fino ad un massimo di due preferenze, una per una donna e una per un uomo, scrivendo il nome dei candidati scelti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

>>TUTTO SULLE PRIMARIE<<

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Perde l'equilibrio e sbatte contro la roccia: la giornata al fiume finisce in tragedia, muore una ragazza

  • C'è anche una media del 10, ecco gli studenti più bravi del liceo scientifico

  • Covid-19, tornano ad aumentare i casi attivi: a Forlì due nelle ultime 24 ore

  • Auto si schianta contro un camion: due feriti gravi, 16enne in terapia intensiva

  • La Polizia segue il viaggio in treno del cliente, due pusher finiscono in arresto

  • Scuole: ragioneria raddoppia le prime, lo Scientifico con una succursale. "Didattica a distanza a rotazione"

Torna su
ForlìToday è in caricamento