rotate-mobile
Politica

Forza Italia lancia il no tax day a Forlì, Ragni: "Siamo uniti. Le cariche non sono in discussione"

Nello specifico del no tax day, Forza Italia ha presentato un emendamento alla legge di stabilità finalizzato a riportare la tassazione sugli immobili ai livelli del governo Berlusconi del 2008

Forza Italia porta il no tax day a Forlì. L’iniziativa, voluta direttamente dal presidente Silvio Berlusconi per ribadire la necessità di una politica caratterizzata da meno tasse e meno spesa pubblica, con sostegno alla fasce più svantaggiate come quella dei pensionati, si svolgerà nelle giornate di sabato e domenica: in piazza Saffi sarà presente un banchetto informativo, dalle ore 10 alle 19, dove i vertici locali di Forza Italia distribuiranno ai cittadini volantino e materiale informativo.

“Anche noi scendiamo in piazza – spiega il coordinatore provinciale Fabrizio Ragni – e lo facciamo per chiedere una tassazione più equa. Oltre alle problematiche nazionali, affronteremo quelle del nostro territorio. Forza Italia continuerà a impegnarsi per la riduzione della pressione fiscale a imprese e cittadini anche a Forlì e nel Forlivese. Facciamo nostre le proposte del presidente Berlusconi articolandole secondo le necessità del territorio. E coglieremo l’occasione per portare proposte finalizzate al rilancio del nostro movimento politico. Forza Italia parteciperà unita al no tax day a Forlì, la coesione è un elemento imprescindibile e stiamo lavorando in tal senso. Le cariche, come deciso dalla base, non sono in discussione”.

Nello specifico del no tax day, Forza Italia ha presentato un emendamento alla legge di stabilità finalizzato a riportare la tassazione sugli immobili ai livelli del governo Berlusconi del 2008. Allora sugli immobili delle famiglie e delle imprese gravavano circa 11 miliardi di imposte, oggi sono circa 34. Noi proponiamo la riduzione di circa 20 miliardi di imposte sulle prime case, su certe tipologie di edifici industriali, commerciali e agricoli. L’obiettivo è tornare alla proposta di Imu federale: è esclusa la prima casa, sostituisce la componente immobiliare di Irpef, non prevede aumenti di aliquota legati ai cosiddetti servizi indivisibili per i quali già si pagano salate addizionali regionali e comunale. “E anche su queste ultime – conclude Ragni, che è capogruppo di Forza Italia in consiglio comunale – cercheremo di intervenire chiedendo una riduzione, portando le nostre istanze all’interno degli enti locali”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Forza Italia lancia il no tax day a Forlì, Ragni: "Siamo uniti. Le cariche non sono in discussione"

ForlìToday è in caricamento