Fratelli d'Italia: "Per le elezioni amministrative vogliamo le primarie"

Per noi punto fondamentale dell’alleanza sono le primarie in quanto è da li che deve ripartire il centrodestra, con la presenza di gazebo nelle strade e nelle piazze

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ForlìToday

Dopo la scelta dell’assemblea della fondazione Alleanza Nazionale di affidare l’utilizzo del proprio simbolo a Fratelli d’Italia, è chiaro che il movimento di Giorgia Meloni, Guido Crosetto e Ignazio Larussa ( a cui si è aggiunto anche Gianni Alemanno) da noi lanciato a livello forlivese già due mesi fa, è diventato il punto d’incontro di tutte le anime della destra italiana sparpagliate nei vari partiti del colonnello di turno, e di quanti hanno albergato in  partiti che, con la storia della destra, non hanno nulla a che vedere. Il progetto, come ribadito da Giorgia Meloni, è aperto a tutti e si tratta di un movimento inclusivo in grado di permettere ai tanti militanti di quella che fu la destra italiana distrutta sciaguratamente da Gianfranco Fini di ritrovare una casa, senza bisogno di chiedere ospitalità nelle fila di Forza Italia (che con tutto il rispetto, con la storia ed i valori della destra in questo momento non ha nulla da spartire). Tra un mese ci saranno le primarie da noi organizzate e molto probabilmente (anche se si sta ancora discutendo) aperte a tutti- anche ai non tesserati- per decidere il segretario nazionale, il simbolo con cui correre alle europee e per eleggere gli organi regionali e provinciali. A livello locale invitiamo quanti si riconoscono in una cultura di destra a spendersi dentro il nostro progetto politico per costruire tutti assieme un movimento legato ai valori della destra italiana anche a livello forlivese che si sta facendo portatore di battaglie quali la sovranità nazionale, il mutuo sociale, la difesa delle cittadinanza italiana, la lotta all’immigrazione non controllata, la difesa dei servizi sociali per gli italiani (case popolari, sussidi) e la difesa della cultura e delle tradizioni italiane. Per ciò che attiene le prossime amministrative noi abbiamo organizzato un gruppo di lavoro di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale chiamato “Officina per Forlì “ con sede in via Mameli 1(sulla base del progetto lanciato da Giorgia Meloni ) che comprende tutte le categorie (giovani lavoratori e studenti che svolgono attività di volontariato, liberi professionisti, dipendenti privati e pubblici e pensionati), al fine di elaborare un programma per la città da presentare all’eventuale coalizione di centrodestra. Per noi punto fondamentale dell’alleanza sono le primarie in quanto è da li che deve ripartire il centrodestra, con la presenza di gazebo nelle strade e nelle piazze al fine di consultare e di confrontarci con quei cittadini che non si riconoscono nella sinistra italiana e forlivese. Solo con questi presupposti si potrà giungere alla scelta di un candidato sindaco capace di rappresentare una valida alternativa per la città, riacquistando quel rapporto con l’elettorato che in questi anni è purtroppo venuto meno. Francamente rimaniamo sbigottiti davanti alle resistenze di alcuni esponenti dei vari partiti del centrodestra che osteggiano impauriti questo bellissimo strumento di consultazione, non comprendendo come ormai i modi di svolgere attività politica sono cambiati e che i candidati scelti nelle stanze da poche persone, se risultavano perdenti nelle precedenti elezioni, ora risulterebbero non competitivi. Vogliamo ribadire in tema di alleanze, che a noi non interessano le poltrone, ma ci alleiamo con chi accetta e rispetta il nostro simbolo e con chi sottoscrive i punti del programma per noi fondamentali, a partire dalle modalità con cui vengono gestite le liste per le assegnazioni delle case popolari e per i sussidi perché è chiaro che in questo momento di crisi generale deve essere assicurata al primo posto la tutela dei tanti italiani in difficoltà economica. Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale rappresenta in questo momento una delle poche certezze della politica italiana e forlivese, con dirigenti giovani e freschi a livello nazionale e locale. Quindi se il centrodestra non vuole lasciare campo libero in un eventuale ballottaggio con la sinistra ad una forza estremamente populista come il movimento 5 stelle, è chiaro che dovrà dialogare inevitabilmente con noi. Crediamo e speriamo che gli esponenti di vari partiti del centrodestra non vogliano trascinare ad un suicidio elettorale una coalizione politica, quindi diciamo loro che non c’è più tempo da perdere e che bisogna subito mettere in campo l’alternativa per il governo della città, lasciando da parte i giochetti politici da prima repubblica. Noi siamo disponibili ma ormai il tempo stringe.

Davide Minutillo Portavoce Forlivese Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale

Torna su
ForlìToday è in caricamento