Politica

L'ex assessore Galassi: "Balzaniani? Una variabile del grillismo"

"Ho voluto estremizzare un concetto perchè non ho ancora capito a cinque mesi dalle elezioni, quale giudizio, in concreto, viene dato sui cinque anni di questa nuova amministrazione, e soprattutto quale proposta vogliamo portare alla discussione nella città per continuare a chiedere un voto"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ForlìToday

Mentre siamo in attesa di sapere se il Sindaco Balzani, nonostante le pressioni che gli vengono giornalmente fatte da parte del PD forlivese e non solo, in forma ufficiale, per deliberati degli organi che si sono espressi nei giorni passati, ma soprattutto in forma ufficiosa da parte di chi vede nella sua candidatura la sua sola possibilità di avere un qualche ruolo che diversamente non avrebbe nella città e forse neanche nel partito, giornalmente leggiamo sulla stampa locale vari nomi pronti per una candidatura a Sindaco, e ognuno professa la più completa dedizione alla linea del PD renziano locale e nazionale, ma soprattutto Balzaniana, che è una variabile molto marcata del grillismo, intesa, come cancelliamo tutto quello che c'era in quanto espressione di una classe politica vecchia e incapace per ripartire da zero, come dire non importa se non so che fare ma l'importante e che sia diverso, come se Forlì fosse  una Città che negli anni passati non avesse fatto progressi importanti e non avesse di molto accorciato le distanze da altre città importanti dell'Emilia Romagna.


Ho voluto estremizzare un concetto perchè non ho ancora capito a cinque mesi dalle elezioni, quale giudizio, in concreto, viene dato sui cinque anni di questa nuova amministrazione, e soprattutto quale proposta vogliamo portare alla discussione nella città per continuare a chiedere un voto.
Certo si sta facendo una grande enfasi sulla raccolta dei rifiuti porta a porta, a mio avviso un fatto positivo,credo sarebbe anche giusto dire ancora con dei limiti in essere e che la fase non è ancora stata completata. Vorrei altresì sottolineare che in tante altre città anche in forma meno invasiva e costosa per i cittadini, con altre modalità, si stanno ottenendo buoni risultati su questo versante. Per ultimo la scelta del porta a porta fu approvata dal precedente C.C prima della chiusura della legislatura. Certo anche la polemica con la Regione sull'utilizzo degli inceneritori e sulla quantità di rifiuti da smaltire mi sembra esprima una preoccupazione che condividiamo tutti, ma i toni mi sembrano sempre sopra le righe, come volere dimostrare un senso di superiorità nella difesa dell'ambiente.


L'altro grande tema della U.S.L unica delle tre provincie, mi sembra non si fosse messo in discussione la scelta ma il metodo adottato dalla Regione, giusta la critica del Sindaco Balzani di volere incidere sulle scelte su un tema di importanza vitale come la salute dei cittadini, ma siamo sicuri che il metodo scelto così violento nei confronti della Regione e anche il modo di isolarsi dagli altri Sindaci romagnoli sia stato il migliore?...poi leggo che Balzani potrebbe rinunciare all'idea di non candidarsi perchè e stato scelto un direttore generale che gli è gradito, allora facciamo la battaglia per un principio sacrosanto, oppure finiamo sempre con le nomine gradite o meno?


Lungi da me di volere difendere la Regione che ritengo da sempre poca attenta al territorio forlivese, qualcuno, non quelli dell'ultima ora, ricorderanno le mie polemiche e battaglie per l'aeroporto contro l'Assessore Regionale Peri e anche il Presidente Errani paventando quello che poi purtroppo e successo, molte volte nel silenzio più totale della politica locale, però vedere in essere tutto il male possibile mi sembra una calcolata esagerazione. Su un atto che invece si da poca importanza mediatica sono convinto che il Sindaco abbia fatto una scelta giusta, quella di non conferire ad Hera la proprietà delle reti.


Considerato che in tutti i documenti ufficiali si enfatizzano come grandi risultati questi dati credo sia sbagliato non rilevare e dare un giudizio di merito anche su quei punti di criticità che emergono se facciamo un esame obiettivo del lavoro della Giunta Balzani in questi cinque anni. Criticità che dividono la città , come l'aeroporto,la via Emilia bis, il centro storico, il trasporto pubblico, P.zza G. da Montefeltro, il mercato coperto, il piano del commercio, il P:O.C, le aree dismesse ex scalo merci, ex forlanini,il 3 lotto della tangenziale,l'Università con il campus,l'aiuto alle attività commerciali nel centro storico e non solo, e tante altre scelte che interessano i cittadini e che erano nel programma del sindaco e che non si capisce a che punto siamo.


Dico questo perchè mi piacerebbe che qualsiasi candidato, il PD, che si propone per guidare ancora la città spiegasse come intende affrontare questi problemi e altri che non ho citato, con quali alleanze, in quali tempi e modi.
Invece si legge di tante candidature che si presentano, le quali l'unico collante e quello di chi è più renziano, ma se è un renziano Balzaniano e molto più forte, e potrei proseguire con i requisiti assolutamente necessari, di non avere mai criticato almeno una volta il Sindaco, di avere detto e scritto che quello fatto fino al 2009 era tutto sbagliato,e soprattutto che c'erano tanti Saprofiti che loro hanno sconfitto.
Sono fermamente convinto che se non si smette di ragionare in questa ottica questi cinque mesi saranno tristi per la nostra città e per le sue prospettive future, ho seri dubbi che ci si riesca ma bisogna provarci, ma non a tutti i costi, la nostra società a risorse umane importanti e un tessuto sociale che può essere in grado di esprimere candidature a Sindaco anche al di fuori dei partiti, non per forza in contrapposizione con essi, per trovare una sintesi che superi destra e sinistra per il bene della nostra città e supplisca a una crisi evidente delle forze politiche.


Il PD deve da subito dare un segnale programmatico forte per questa città, cosa che si richiede anche alle altre forze politiche, siamo in una fase molto delicata,la città non può rimanere ferma a aspettare che Balzani decida sul suo futuro i tempi li deve dare la politica, siamo già in ritardo o il PD nella sua unitarietà lavora in questa direzione, altrimenti penso molti guarderanno anche altrove.

Ex assessore Elvio Galassi

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'ex assessore Galassi: "Balzaniani? Una variabile del grillismo"

ForlìToday è in caricamento