Gelate primaverili, agricoltura forlivese in ginocchio. Pompignoli: "Chiedere lo stato di calamità naturale"

È questo l’appello lanciato dal consigliere regionale della Lega Massimiliano Pompignoli, intervenuto martedì pomeriggio in Commissione Territorio e Ambiente alla presenza dell’assessore regionale Alessio Mammi

"Mi auguro che il Governo giallo rosso, e in particolare il Ministero delle politiche agricole, accolga la richiesta avanzata in prima battuta dalla Lega e dallo stesso Assessorato regionale di riconoscimento dello stato di calamità naturale". È questo l’appello lanciato dal consigliere regionale della Lega Massimiliano Pompignoli, intervenuto martedì pomeriggio in Commissione Territorio e Ambiente alla presenza dell’assessore regionale Alessio Mammi.

"Le gelate che tra fine marzo e inizio aprile hanno colpito le nostre campagne, hanno letteralmente azzerato la produzione di stagione (-90% albicocche, -80% pesche nettarine e -70% susine) e provocato danni inestimabili alle aziende agricole del forlivese. Centinaia di ettari di albicocche e pesche del forlivese sono senza un frutto e la preoccupazione dei nostri agricoltori è duplice. Esiste infatti un danno inestimabile in termini di crollo delle produzioni e di aziende che rischiano il collasso sotto il profilo della sostenibilità economica - evidenzia Pompignoli -, ma esiste anche un problema sostanziale che riguarda la ricollocazione di centinaia di lavoratori stagionali specializzati che solitamente, in questi mesi, venivano impiegati nella fase del raccolto. Tutte queste persone, a causa del Covid e del maltempo, si ritrovano senza lavoro e senza alcuna forma di indennizzo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ad oggi, ha evidenziato Pompignoli, "il bilancio delle gelate che tra fine marzo e l'inizio aprile hanno investito le campagne di tutta la Regione, colpendo con particolare intensità proprio il comprensorio forlivese, si aggira attorno ai 400 milioni di euro. Liquidità, azzeramento dei mutui e moratoria dei contributi sono gli strumenti principali e indifferibili con cui affrontare questa crisi. Ma bisogna farlo oggi, non domani, nella consapevolezza che le conseguenze provocate al settore agricolo e al suo indotto dalle gelate degli scorsi mesi sono gravissime e mai verificatesi fino ad oggi". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Dea Bendata non abbandona Corso Garibaldi: nuovo colpo al Lotto con un terno

  • La Bidentina si macchia di sangue: schianto contro un albero, perde la vita sotto gli occhi della fidanzata

  • Coronavirus, ci sono i primi due studenti positivi: nessuna chiusura di classi e scuole

  • Morto sulla Bidentina, Andrea superò un grave incidente. La sua esperienza per un progetto per giovani

  • Coronavirus, il bollettino domenicale: nuovi contagiati riconducibili a focolai già noti

  • Commando armato assalta una villa: minuti di terrore per una famiglia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento