Giovani, dalla Regione rilancio in tre mosse: ecco il Piano per l'adolescenza 2018-2020

Approvato dall'Assemblea legislativa, interessa circa 550 mila ragazzi tra gli 11 e i 24 anni e coinvolge famiglie, scuola, servizi sociali, associazionismo sociale e sportivo, volontariato e aziende sanitarie

Al centro della due giorni di assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna il piano regionale per l’adolescenza 2018/2020. "Un piano da 19 milioni di euro, con un aumento di 8 milioni di euro rispetto allo scorso biennio, a sostegno alle politiche per l’adolescenza in Emilia-Romagna – spiega la consigliera regionale Valentina Ravaioli – con cui si va ad agire sul piano della prevenzione e del disagio, dall’abbandono scolastico alla dipendenza da sostanze e all’azzardopatia, dalla promozione di corretti stili di vita all’educazione alla sessualità e all’affettività, al contrasto di fenomeni come quelli del bullismo e cyberbullismo, in un’ottica di equilibrio rispetto alla sfera dell’agio, mirata ad accompagnare i giovani nell’orientamento al mondo professionale, a sviluppare la creatività, a sostenere  percorsi di cittadinanza attiva che sensibilizzino i ragazzi alla corresponsabilità, alla legalità e al rispetto di ogni tipo di differenza".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’obiettivo è quello di coinvolgere i diversi attori sociali che gravitano attorno al mondo degli adolescenti, ovvero i genitori, gli insegnanti e gli educatori sportivi e di supportare le ragazze e i ragazzi con l’attivazione di sportelli individuali e di gruppo nelle scuole, il sostegno extrascolastico e la promozione dello sport. Tutti gli interventi sono interconnessi fra loro e collegati ad altri piani regionali come, ad esempio, quello socio-sanitario. "Si tratta di investimenti importanti - conclude Ravaioli- che comprendono un bando da 3 milioni specifico per gli adolescenti, uno da 6 milioni per il finanziamento dei centri estivi, uno da 6 milioni cogestito con l’assessorato Scuola, Formazione, Lavoro per gli sportelli scolastici, 3 milioni per il servizio civile per minorenni e 200 mila euro per progetti di formazione dedicati a genitori e famiglie. Gli adolescenti che verranno coinvolti, che ricoprono la fascia dagli 11 ai 24 anni, sono circa 550 mila. La Regione dimostra ancora una volta di mettere al centro i giovani".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il telefono diventa muto e dal conto spariscono migliaia di euro: quarta truffa sui soldi in banca in un mese

  • Aereo ultraleggero precipita e prende fuoco: perde la vita la promessa del nuoto Fabio Lombini

  • La sciagura di Fabio Lombini, gli ultimi istanti di vita col sorriso ripresi in un video

  • Il covid-19 non ferma il progetto di quattro giovani: "Apriamo una pizzeria e puntiamo sulla qualità"

  • Addio a Fabio Lombini, "Era esempio quotidiano di forza di volontà"

  • Covid-19, 109esima vittima nel Forlivese: è una donna di 80 anni

Torna su
ForlìToday è in caricamento