rotate-mobile
Domenica, 14 Agosto 2022
Politica

Provincia e Unione dei Comuni del Forlivese, vigilia di Giro di 'rabbia'

Avantaggiato, Castagnoli e Monti ricordano anche il ruolo della Provincia, che "lavora e garantisce servizi essenziali per la collettività come la gestione della scuole e indispensabile per il Giro d'Italia per la manutenzione delle strade"

I dipendenti dell'Unione dei Comuni della Romagna Forlivese garantiscono il Giro d'Italia nonostante lo stato d'agitazione. "Persistono ancora condizioni d'incertezza - affermano Daniela Avantaggiato, Martina Castagnoli e Massimo Monti, di Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl -. Manca chiarezza sugli obiettivi da perseguire e l'organizzazione interna è ancora carente. Inoltre c'è incertezza sulla regolarità dei pagamenti stipendiali di prestazioni già effettuate (turni, reperibilità, e altro). Manca la formalizzazione dei passaggi burocratici per il funzionamento della struttura e c'è nebulosità in merito alla definizione delle competenze e delle responsabilità. Senza dimenticare i rapporti “difficili” con l'Ente Provincia".

"Ciò nonostante il senso di responsabilità civica e l'amore per il proprio territorio, ci impongono di garantire il normale svolgimento di un evento considerato una grande opportunità per i cittadini di tutti i nostri Comuni - proseguono i sindacati -. La viabilità verrà garantita da tutti gli appartenenti al Corpo della Polizia Municipale per tutto il percorso che interessa i diversi Comuni dell'Unione, e la parte amministrativa/ burocratica è stata garantita dal personale di tutti gli uffici. Il Giro d'Italia è garantito non sappiamo però in quali termini sia garantito il futuro dell'Unione dei Comuni della Romagna forlivese e dei suoi dipendenti. Per questi motivi i dipendenti dell'Unione saranno in assemblea lunedì nel Salone Comunale di Forlì dalle 10.30 alle 12.30".

Avantaggiato, Castagnoli e Monti ricordano anche il ruolo della Provincia, che "lavora e garantisce servizi essenziali per la collettività come la gestione della scuole e indispensabile per il Giro d'Italia per la manutenzione delle strade da cui passeranno i famosi ciclisti che tutti aspettano. Anche la Nove Colli passerà prossimamente sulle nostre strade Provinciali. Se è il Giro è una vetrina importante televisiva. la Nove Colli porta sulle nostre strade circa 13.000 cicloamatori, possiamo permetterci di lasciare abbandonate le strade? Quest'anno i dipendenti provinciali ci sono: hanno lavorato uomini e donne, che hanno messo volontà e forza per garantire i servizi. Basta demagozia. I servizi della Provincia servono e non ce ne possiamo accorgere solo perché passa il Giro d'Italia".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Provincia e Unione dei Comuni del Forlivese, vigilia di Giro di 'rabbia'

ForlìToday è in caricamento