menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Giustizia, Morrone (Lega): "Bonafede in grande confusione accumula errori"

"Il ministero non ha messo a punto alcun piano, né alcuna strategia per evitare la possibilità di contagio e il rischio di rivolte", attacca Morrone

Ancora un giudizio negativo sull’operato del guardasigilli Alfonso Bonafede durante l’emergenza sanitaria da parte del parlamentare della Lega Jacopo Morrone. "In audizione è emerso che, di fronte all’emergenza sanitaria decretata il 31 gennaio scorso, il ministero non ha messo a punto alcun piano, né alcuna strategia per evitare la possibilità di contagio e il rischio di rivolte - attacca l'esponente del Carroccio -. Ci sarebbe voluto poco a predisporre per tempo misure adeguate di prevenzione sanitaria e a elaborare un piano per alleggerire le presenze in alcuni Istituti, utilizzando, per esempio, in via temporanea strutture alternative agli Istituti carcerari, riadattate ad ospitare i detenuti considerati più a rischio, o recuperando reparti specifici dismessi".

"Rispetto ai ristretti in carcere che al 31 dicembre scorso erano 60.769, i numeri dei detenuti positivi (110) e dei ricoverati (3) snocciolati da Bonafede non sono particolarmente significativi - conclude -. Ma grazie all’enfasi data a una fantomatica correlazione tra detenzione in carcere e contagio, Bonafede e Conte, sono riusciti a far uscire dal carcere pericolosi delinquenti comuni e addirittura 498 tra piccoli e grandi boss della criminalità organizzata, grazie al combinato disposto dell’articolo 123 del Cura Italia e alla circolare del DAP del 21 marzo. Un errore di gravità inaudita che difficilmente potrà essere recuperato".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento